Frizzigift | vinci due camicie e due t-shirts Iuter

Quando guardi il sito, i prodotti, le mille attività in cui sono coinvolti, quelli di Iuter sembrano eterni ragazzini con taniche di energia da bruciare e riserve di good vibes che non entrerebbero in un caveau della Federal Reserve.
Eppure sono sulla breccia da ben nove anni: da allora sono diventati un punto di riferimento per lo streetwear made in Italy e lo rimarranno ancora a lungo perché non hanno mai fatto compromessi a scapito della qualità del prodotto. Ogni fase della produzione viene fatta in Italia con tessuti italiani. Te ne accorgi se entri nel tuo guardaroba in piena notte, quando gli abiti si mettono a parlare (non lo sapevi?): tra le poche cose che non sentirai parlare in mandarino ci sono i capi Iuter.

Ora che sai di voler fortemente mettere le mani su una delle loro camicie, giacche, t-shirt, jeans o accessori puoi fare due cose: andare in un negozio o sullo shop online, oppure partecipare al nostro Frizzigift e provare a vincere qualcosa.
In palio ci sono:
– una camicia Prince e una t-shirt Wallpaper (1° premio)
– una camicia Sire (2° premio)
– una t-shirt Octopus (3° premio)

Sono tutte taglie M ma hai tempo per ingrassare o metterti a dieta per indossarne una.
Come fare per partecipare?
Semplice: lascia un commento raccontando cosa stavi facendo nell’ottobre del 2002, quando Iuter muoveva i primi passi nel mondo dello streetwear made in Italy.
Hai tempo fino al 19 maggio, dopodiché sceglieremo i vincitori in base ai commenti.

UPDATE
Il concorso è finito ed ecco i vincitori, scelti da noi di Frizzifrizzi insieme ai ragazzi di Iuter:
Il primo premio va a bione, il secondo ad Elisa ed il terzo a simone.
Di sicuro ora quelli Iuter ora avranno materiale a sufficienza per un eventuale documentario sul 2002 e la nascita del loro marchio…
Grazie a tutti quelli che hanno partecipato!

co-fondatore e direttore
    1. ero in crisi depressiva per colpa della mia ex che mi aveva tradito e dalla disperazione sono andato da plesure a milano e ho spese quasi tutti i miei risparmi in vestiti….ancora me ne pento!

  1. OTTOBRE 2002?? ERO IN 3° SUPERIORE, E LASCIAVO I LIBRI IMPOLVERARSI SULLA SCRIVANIA (UN MESE FA' METTENDO APPOSTO LA STAZA LI HO RITROVATI, ERANO TUTTI INCELOFANATI, MI STUPISCO DEL MIO 80/100 ALLA MATURITA'), E ERO ASSOPITO DALLA MODA DEL MOMENTO, FARE GRAFFITI, PASSAVO LE GIORNATE A SCARABOCCHIARE MURI E A RINCORRE TRENI CON UNA BOMBOLETTA COLORATA IN MANO…

    LE DONNE ERANO L'ULTIMO DEI MIE PENSIERI, CREDEVO DI CAMBIARE IL MONDO ANDANDO IN GIRO CON UN MAGLIETTA DEL CHE GUEVARA E BEVEVO BIRRA DA 40 CENTESIMI DEL DISCOUNT, CREDEVO CHE AVREI AVUTO UN BEL LAVORO UNA BELLA FAMIGLIA UNA BELLA MACCHINA UNCANE UN GATTO DUE PESCI ROSSI E UN CRICIETO…PER ORA HO SOLO UNA BELLA RAGAZZA E UN LAVORO CHE MI FA CAGARE…

    HO ACCANTONATO LA MEGLIETTA DEL CHE E INDOSSO MAGLIETTE PIU' FIGHE, ANCHE PRENDENDO SPUNTO DAL VOSTRO SITO…

    UN BACIO RAGAZZZIII SIETE SUPERRRRRR…

  2. Sveglia alle 5.45 tutti i giorni di ottobre 2002 per prendere il pullman per andare a scuola. Buio e neve per terra solo impronte di gatti prima di me in un piccolo paese di montagna! scivolare giùùùù per la discesaaaaaaaaa

  3. ASPETTAVO IL MIO FOTTUTO COMPLEANNO CON UN PICCOLO SKATE E UNA PICCOLA BMX IN CAMERETTA..CON SNOOP E RUN DMC NEL MANGIACASSETTE..RINGRAZIO IL BROTHER PER AVERMI INSEGNATO FIN DA BAMBINO A CRESCERE DA GIUSTO NELLA VIA DEGLI SBAGLIATI..YO E RISPETTO AL WEBSITE!

  4. Il primo ottobre 2002: mentre stavo navigando con il mio vascello nel triangolo maledetto delle bermuda sono stato attaccato da un mega polpo gigante che mi ha ucciso…mi sono risvegliato in un aula universitaria al corso di Storia della Radio e della Tv.

    Mi ricordo che nel sogno ero insieme ad uno di quelli di Iuter. Sicuramente è entrato nel mio sogno e mi ha rubato quell'idea creativa!!!!!!! :)

  5. Me la Thuggavo di brutto alle elementari facendo il Baus in cortile con la maglietta della Iuter taglia XXL per far capire chi comandava…BIG UP!

  6. ottobre 2002

    ero allo skipass di modena ha fare foto con i fratelli kratter e alvaro dal farra e ha comprare una delle prime t s-hirt iuter quando ancora cera il gallo cedrone sopranominato rocco sulla maglietta nera con la scritta TRAINING KILLS RIDER GO PARTY IUTER CLAN!!

  7. mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm quasi sicuramente ero a fuori da scuola a scassarmi il cervello di "JOINT" con i miei amici , periodo indimenticabile !!!!! meno male che adesso ho smesso hahahahahahahahahahahah

  8. 3° elementare: dragon ball, holly e benji, nutella, coca e pizzette, lupin, zecchino d'oro, cartoon network, calcetto all'oratorio, sopratutto molta spensieratezza..

  9. Nel lontano ottobre 2008 riguardavo le foto (ancora non in digitale) della vacanza in val senales e pensavo a quel gruppo di scalmanati snowboarder incontrati li che iniziavano a farsi chiamare IUTER CLAN e producevano t-shirt molto amatorialmente…e dentro di me dicevo: però come se la spassano gli iuter!!!

  10. Ehhh figlio bello,

    che giornate quelle dell'ottobre 2002…

    … sce sciolo me le ricordasci!

    Scio che allora c'era la Mariscia con cui sci andava per borri a fare all'amore.

    Bei tempi quelli con Mariscia…

    Ormai di …scia però c'è sciolo la parola moscia.

    La sc moscia!

  11. Cosa facevo nel 2002? Sperimentavo… fu l'anno della prima volta, dei primi no, dei primi si, del sentirsi grandi, del sentirsi liberi, dell'esserlo perchè si è ancora piccoli, del non c'è nulla da perdere, delle tante cose perse.. bisognava provare, bisognava crescere, bisognava lottare perchè la vita sembrava dura, e poi correre, correre, farcela a tutti i costi.. non lasciare nulla indietro perchè certe cose non sarebbero mai tornate….. 2011.. è stata una lunga corsa.. ma come è bello gustarsi le cose ottenute!!!

  12. macchina del tempo: ottobre 2002. terza superiore, sommersa dai libri e dalle versioni di latino e greco rubavo di nascosto le magliette al mio primo amore. da allora non mi sono mai fermata a collezionare magliette boy-friend, altro che jeans. questa mi sembra un'ottima occasione per ampliare la mia collezione!

  13. nell'ottobre dei 2002 stavo festeggiando il 20° compleanno della mia migliore amica!!!!!!!!!!!!!

    una festa che ancora si ricorda!

    …non mi merito un regalo anch'io in onore di quella memorabile festa che ho organizzato??

  14. Secondo anno di università…il più brutto di tutti…tutti i prof mi fecero fare i vermi…a ottobre 2002 pesavo quasi 90 kg…a fine corso, luglio 2003, ne pesavo 78…a niente a niente li dovrei pure ringraziare per avermi fatto perdere i chili di troppo…

  15. cercavo di integrarmi nella mia classe di prima superiore.

    avevo i capelli lunghi e ricci tipo jesse eisenberg, e vestivo come uno skater, cosa che non ero. è stata dura

    ne sono venuto fuori e ho tagliato i capelli.

  16. Avevo 35 anni e stavo guardando nell'armadio di mio figlio che all'ora aveva 16 anni in cerca di qualche capo d'abbigliamento da razziare.Sono una madre gazza ladra.

  17. Ad ottobre 2002 frequentavo la scuola superiore, avevo 15 anni e il 14 di ottobre ne feci 16 :-) davvero un bel periodo, ricco di nuove esperienze ;-)

  18. Mi rendevo conto che c'era qualcosa che non andava nella vita perfetta che stavo vivendo: non era la mia!!

    6 mesi dopo mi trasferivo a Londra!

  19. Ottobre 2002: Giravo per scuola pensando che mancavano "solo" 8 mesi per riuscirne quando mi e' arrivata una chiamata per avvisarmi che nel Laos dei gelati giganti stavano attaccando la popolazione per rubare loro le biciclette, dopo il mio intervento insieme a una orda di scimmie blu sono tornato vittorioso. Poi ho mangiato una pizza (credo).

  20. ottobre 2002 mi ero appena trasferito da un paese vicino a milano a una bella villetta di periferia sul pavese.Non conoscendo nessuno dopo poco tempo decisi di curiosare in bici i paesi limitrofi e a 1chilometro da casa mia trovai un parchetto con una rampa da skate in cemento inutilizzata,piena di terra.tornai a casa,presi il mio skate lo misi in uno zaino di quei modelli seven stilosissimi che ora solo iuter rifà( ;) ) presi una scopa di legno e in bici tornai immediatamente in quel posto e iniziai a pulire la rampa:erano gli anni in cui con lo skate ero fissato,guardavo quei pochi filmati presenti in tv dato che internet quasi neanche sapevo accenderlo.ero alle prime armi,giusto qualche ollie ma ero gasato,volevo scendere da quella rampa che mi sembrava enorme come i veri pro e cosi tra mille indecisioni puntai il peso in avanti e…hop!Giu! Peccato che giu intendo x terra,gia…non era andata proprio come avevo previsto,l'inesperienza non mi aveva certo aiutato e cosi fermo x terra un po rincoglionito senti la mia gamba che faceva malissimo e che sembrava quasi storta..non riuscivo a muovermi,brividi di freddo,nessuno in zona..fortunatamente una signora col cane mi vide dolorante e corse ad aiutarmi.feci chiamare mia mamma al cellulare e subito ambulanza x l'ospedale Gaetano pini di Milano.avevo vinto la mia paura ma avevo perso il controllo.Da li solite storie,lastra,controllo,gesso x 2 mesi e una bella frattura (penso si chiamasse "dello sciatore") poi purtroppo non andò aposto..il gesso non aveva risolto niente e dopo altre lastre i medici mi dissero che era necessario un'operazione..la cosa mi preoccupava un po ma una dottoressa mi spiegò che era una banale placca interna che non si vedeva e che mi avrebbe rimesso aposto..col consenso di mia madre accettai l'operazione:purtroppo la frattura era cosi assurda che non fu una solita placca ma BENSI UN BEL FISSATORE ESTERNO IN CARBONIO lungo quanto tutta la tibia con 4 belle viti che entravano nell'osso a unìestremità e con dei bulloni erano legate all'altra estremità attaccandosi alla sbarra di carbonio. risvegliarmi dall'operazione fu un disastro.feci 6 mesi di riabilitazione ma a differenza dei ragazzi normali andavo cmq in giro in bici e onestamente ritentai anche di girare in skate(ma non piu in rampa,x il momento) finito il periodo del fissatore l'ultimo controllo andò bene:mi parlarono di un dayhospital di qualche giorno x togliere tutto ma non volevo;volevo sbrigarmi e sentirmi libero da tutta quella ferraglia immediatamente. cosi mi feci portare in ambulatorio e con un semplice ghiaccio spray,pugni chiusi e complimenti da parte dei dottori,mi feci togliere tutto a freddo. Da quel momento abbandonai x un po lo skate e mi avvicinai piu allo snowboard.Ora i quattro buchi delle viti li ho come cicatrici indelebili del mio passato ma non di certo mi fermano a gasarmi sulla neve,dove passo ormai quasi tutti i week end e vacanze dell'anno,compreso d'estate.

    Ah,dimenticavo..la tavola è qui appesa al muro di camera mia e ogni volta che la vedo,2risate scappano sempre. ;)

    Ste

  21. nell'ottobre del 2002 ero in terza superiore. Avevo i capelli a spazzola, l'apparecchio ai denti e degli occhiali sfigatissimi; insomma ero nerd ancora prima che andasse di moda… anzi forse non ero solo nerd ma proprio sfigato, visto che quell'anno mi tocca la prima fila, compagna di banco la bigottissima Gianna. Non avevo una ragazza ma desideravo tantissimo averla, una ragazza dolce e carina, a cui volere un sacco di bene (tipo quella che ho adesso :) ). C'è da dire che quell'anno strinsi amicizia con quello che l'anno dopo sarebbe diventato mio compagno di banco (con la rivincita dell'ultima fila, posto centrale fuckyeah) e poi più migliore amico. Fu l'inizio degli anni che ricordo meglio e più volentieri. Merda 9 anni fa. Son vecchio marcio. Bione

  22. nell'ottobre 2002 ero in pieno delirio esistenziale causa tesi.. nel frattempo ero in stage (= lavorare aggratis) e dovevo dare gli ultimi 2 esami, lo stesso giorno. ah mi aveva da poco lasciato il ragazzo.. momento kleenex.. :)

  23. Ottobre duemiladue. Appena terminata la fase più importante della mia vita. L'infanzia. Iniziavo le scuole medie. Con una valigia di perplessità ed insicurezze. Sentendomi l'essere più fragile di questo mondo. Ed ero felicissimo di andare al cinema con mio nonno. Ancora vivo. Ricordo che in quel periodo andammo per l'ultima volta al cinema insieme. All'Apollo. RestInPeace.

  24. Ottobre 2002….mmmmmmmm ottobre dite…..scarrozzavo con lo scooterino, cantavo "Nuova Ossessione" dei Subsonica per la ragazzina rimorchiata in vacanza pochi mesi prima, bigiavo la scuola come ogni inizio anno (per intenderci il primo quadrimestre), insomma periodo spensierato con nessuna certezza e il sorriso stampato in viso!

  25. Nell'ottobre del 2002 avevo sette anni, andavo a scuola, e allora era un vero piacere…portavo i capelli lunghi, acconciati con dei coloratissimi codini, e mettevo delle bellissime gonnelline sopra il ginocchio. Bei tempi quelli!!

  26. G E N I A L E !

    Definire iuter sulla cresta dell'onda significa non conoscere per nulla il mercato streetwear. Praticametne spariti in lazio, emiliaromagna, e toscana. Roba carina. troppo cara.

    Nel 2002 andavo alle feste dove andavano anche gli iuteri. solo che prima si recuperava alla svelta, ora ci vuole tempo. e le occhiaie prensili di ian alle fiere lo dimostrano :)

      1. Urka, era la Breccia, non la cresta dell'onda, poco importa, il senso è quello. o intendevate la breccia come l'orlo del baratro?

          1. Cosa sei una specie di addetto ai lavori? Qui si parla di stile, e i ragazzi scusa ma mi pare ne abbiano da imprestare agli altri loro colleghi italiani no? A chi importa dove vendono? A me piace A Bathing Ape, e non la trovo da nessuna parte, io non ragiono come te'.
            Fosse per me, sarebbe meglio che vendessero solo online.
            Unica critica infatti che gli muovo è visto che cercano di fare tutto bene, possibile che non riescano ad avere uno store online decente?
            Saluti.

          2. Diciamo Tony che è un mondo che conosco bene e se sparisci dalle regioni significa che non stai vivendo un buon momento: produci meno, i negozi non pagano, i minimi ti strangolano e rischi grosso. auguro agli iuter durare a lungo. ma in questo momento è difficile per tutti credo.

            Quanto allo stile il discorso è opinabile. Se per te è stiloso un brand che basa tutto sul wedontgiveafuck e sul "concetto" di partyboy con ministickers sulle zinne allora si in effetti non la pensiamo allo stesso modo.

            Se ti piace BAPE (e sei felice di spendere 80 euri per una tee in cotone stampata a 3 colori) fatti un giro a ferrara c'è store/outlet di slamjam che la distribuisce, magari te la cavi senza spendere cifre immonde :)

  27. nell'ottobre 2002 avevo appena compiuto 17 anni, ero alle prese col primo anno di quarta superiore, avevo appena conosciuto una ragazza che qualche tempo dopo sarebbe diventata la mia prima fidanzata ufficiale.

    insomma non facevo un cazzo, non avevo un soldo,ma stavo da dio.

    io tornerei volentieri all'ottobre 2002, però con una camicia iuter forse cazzeggerei meglio.

  28. Cosa facevo nell'ottobre del 2002 ?

    Bella domanda… sto ancora cercando di ricordare cosa mi è successo …ma è difficile.

    Dall'ottobre del 2002 tutto è cambiato : ho delle immagini sfocate che mi riportano indietro nel tempo.

    Vedo me stessa con persone che adesso non ci sono più : erano degli amici, almeno credo.

    Che fine hanno fatto ?

    Vedo dei libri sulla mia scrivania che non ci sono più. Li avrò letti,penso.

    Vedo una casa che non c'è più… ed io adesso sono da un'altra parte….

    Con altre persone.

    Vedo me stessa allo specchio… e vedo uno sguardo diverso.

    Più consapevole.

    Nell'ottobre del 2002 io stavo in un posto diverso,frequentavo amici diversi, cercavo me stessa e lottavo per affermare il mio IO…Ma già da allora adoravo indossare camicie t-shirts da uomo.

  29. A quel tempo avevo appena iniziato la seconda media. Avevo solo 12 anni, ma avevo già sviluppato un'intolleranza per i banchi di scuola.

  30. Mentre Iuter iniziava a bazzicare nel mondo della moda, io indossavo il mio primo apparecchio, mettevo gli occhiali, venivo vestito a forza da mia madre con degli orridi capi d’abbigliamento, ergo costruivo la mia immagine da sfigato totale.. ah, e dimenticavo.. scoprivo di essere gay in una famiglia di ultra cattolici.. CHE CULO!!Nove anni dopo però, per fortuna, le cose sono un tantino diverse!!;-)

  31. Nell'ottobre 2002 avevo solo 12 anni, ma muovevo già i miei primi passi di Break Dance sul pavimento della scuola e sotto i portici del quartiere, e già imbrattavo la città di Milano con bomboletta alla mano!! SU. Società Underground.

  32. Cadevo dal secondo piano di un condominio fratturandomi caviglia e bacino. Diventando così il top dog di ortopedia e seminando il panico tra i vecchietti.

  33. mi killavo di weeda e sognavo un brand che sposorizzasse la mia situa.

    adesso è tutto un "su le mani bologna!" e mi servono outfitz ghengsta per rappresentare la scena più uga della plaza

  34. in quel periodo stavo con tre tipe diverse,diverse in tutto….cazzo che sbatti.. durissima, infatti poi mi beccarono,e li ci furono i veri cazzi… "si sa come vanno a finire ste cose…."

  35. Mi trasferivo a Milano per stare con una scema.

    e vedevo girare dei tipi con sto strano simbolo sulla t-shirt

    dicendo a 'sta qui " che tamarri!" i tuoi amici, risultato: ho venduto la mia ex ad una carovana di mercanti per permettermi il kit: maxi sticker, guardaroba +tatuaggio(tutto iuter).

  36. Avevo 9 anni, ero in 3° elementare ma già spaccavo i teneri culetti rossi dei miei compagni di classe, meditavo a quale Pokèmon avrei potuto aggiungere alla mia turbo figa squadra per riuscire a battere la lega, mi sentivo il più figo quando battevo tutti alle gara di corsa all'intervallo in giardino, e amavo animare risse tra le diverse classi rivali.

    Ora sono in prigione per rapina a mano armata in un negozio di prodotti per donne incinta, no scherzo, solo per spaccio di droghe illegali.

  37. ..mmmh pensiamo….iniziavo il secondo anno di università….conoscevo chi mi ha fatto ssentire bene veramente…non ricordavo foss eil 2002..beh grazie per questo ricordo.

  38. io nell'ottobre 2002 ero in terza media, ed è stato in quel periodo che, su consiglio di Paolo Fox, ho ritenuto che fosse cosa buona e giusta dichiarare il mio comunque malcelatissimo amore a C. K. (intuitene le scandinave fattezze dall'esotica kappa puntata), dandogli appuntamento nell'angolo di cortile accanto alla palestra. Al di là della tapinissima figura che ci ho rimediato io (ciao C.K., ogni tanto ti penso ancora), mi dispiace perchè all'altra mia amica Pesci ho consigliato di fare la stessa mossa con N.C., e se possibile le è andata pure peggio.

    Paolo Fox è fallibile, e io non lo volevo sapere.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il Segno della tua voce in un gioiello