fbpx
PhotoPerfexion Light

Tested | Photo’Perfexion Light di Givenchy

PhotoPerfexion Light

Qualche tempo fa avevo scritto un post sulla collezione Make Up SS2011 di Givenchy e loro sono stati così gentili da mandarmela: fondotinta, ombretti, lucido per le labbra e mascara. Ovviamente non ho perso tempo e mi sono messa a studiare gli eleganti pacchettini ed il loro misterioso contenuto, partendo da ciò che ritengo fondamentale in ogni make up che si rispetti: il fondotinta.

Che caratteristiche deve avere, a vostro parere, il fondotinta perfetto?

Per la sottoscritta, innanzi tutto, deve avere un packaging adeguato. Non devi cioè essere costretta a ficcarci dentro le dita, contaminando e cambiando l’equilibrio chimico della sostanza all’interno, alzando il rischio di allergie.
Ormai per fortuna più o meno tutti i fondotinta hanno raggiunto questo importante step preliminare, ma devo dire che Photo’Perfexion Light creato da Nicolas Degennes è innovativo sia nella formula sia nel packaging.
In cima a quello che può sembrare un normale tubetto semirigido, è applicata una spugna che diventa erogatore ed aiuta a stendere il cosmetico.
In pratica tu allo specchio premi leggermente – ho imparato a mie spese che è molto sensibile, quindi occhio! – e sulla spugnetta compare il prodotto che stendi sul viso facendo bene attenzione ad iniziare prima dalla parti più estese, cioè zigomi e guance, e solo infine contorni del naso e del mento. Quindi si stende alla perfezione senza necessità di sporcarsi le mani o di portarsi dietro spugnette.

Poi ma direi soprattutto, il mio fondotinta deve coprire le imperfezioni della pelle – occhiaie, piccoli arrossamenti – senza però appesantirla e fare effetto mascherone. Insomma deve essere visibile il risultato ma non il prodotto!

Direi che in questo Photo’Perfexion Light è perfetto, grazie ad una nuova formula studiata nei laboratori LVMH e basata su due fondamentali complessi:
SkinPerfector Complex+: che aiuta a dare alla pelle un aspetto compatto e senza imperfezioni, migliorandone l’effetto ottico.
Lighting Complex: che agisce come un illuminante ottico, in modo da dare alla pelle carnagione naturale e raggiante.

Ha una consistenza liquida, volatile e fresca, appena lo stendi copre dolcemente dando luminosità senza impiastricciare il viso , forma un velo invisibile. Unico appunto, che poi più che un appunto è un consiglio per l’uso, si deve essere molto veloci a stenderlo e distribuirlo bene sul viso, asciuga molto rapidamente e dopo che è asciutto addio ritocchi e aggiustamenti.
Ovviamente il modo migliore di usarlo quello tecnicamente più adeguato è con l’apposita spugnetta, io però vi devo confessare che preferisco sempre mettermene un po’ sui polpastrelli, scaldarlo un po’ tra le dita e stenderlo sul viso con le mani… Non imitatemi però!

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
b switch 5
B-Switch: una collezione di streetwear ispirata alla Bolognina e realizzata da 35 studenti delle superiori