fbpx

Save the date | Materia 1a @ Bologna

materia 1

Uso e riuso.
Se ne parla sempre di più (per fortuna! mentre il pianeta che ci ospita, toccandosi i satelliti, si lamenta che comunque non è abbastanza) se parla pure troppo in realtà, il ché però è un buon segno: significa che l’eccezione è diventata norma e speriamo che continui ad essere così, con noi che ci annoiamo di tutti i buoni propositi delle grandi aziende sporche-brutte-e-cattive che una dopo l’altra vanno ad incarnare l’ennesimo esempio di virtù civica ed ambientale (il vero e più “scrosciante” applauso però lo lasciamo per quando anche la distribuzione equa della ricchezza sarà una realtà, mentre la cara vecchia Terra si lascia andare in un aspetta e spera…).

Chi lavora in piccolo, ad ogni modo, del riuso dei materiali ne fa da sempre un’arte. E se la chiami l’arte della necessità non si offende nessuno.
Noi comuni mortali, però, gli “utilizzatori finali” dei prodotti, ci ritroviamo in mano cose, belle o brutte che siano, senza quasi mai sapere come e con cosa vengono realizzate. Proprio per questo sarà interessante per chi abita in quel di Bologna o si troverà a passare di lì per il weekend, assistere a Materia 1a, collettiva di arti e materia organizzata dalla fashion designer Meike Everaarts insieme a Serena Rossi di Torri Pensanti, con il contributo delle nostre vecchie conoscenze di Martino Design.

Si tratta, in pratica, di una due giorni durante la quale verranno prodotti in diretta (domani!) capi ed accessori, opere d’arte e di design che successivamente (domenica!) verranno poi esposti.
Il pubblico ovviamente potrà partecipare in entrambe le giornate e vedere prima all’opera e poi le opere di Angelo Recupero, Cami GualtaElena FregniFlavio Biagi, Linda Sutti, Meike EveraartsMichela di CrescenzoPesci Pneumatici, Raffaella Norcini Pala e Tommaso Venuti.

QUANDO: 9-10 aprile 2011
OPENING: 9 aprile | 17,00 – 23,00
ESPOSIZIONE: 10 aprile | 11,00 – 18,00
DOVE: Spazio 80 |  via S.Stefano 80, Bologna | mappa

Altre storie
Imaginary Shops 00
Imaginary Shops: le scatole di negozi immaginari nella tesi di laurea di Elisabetta Vedovato