7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Erugiery.

Ciao, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Ciao, sono Erugiery dalla grigia e desolata tundra brianzola, sono vicino ai 30 e faccio l’illustratore (quando capita) dal 2007 d.c.

Matita o penna grafica (che materiali usi per il tuo lavoro)?
Matita pennarelli trattopen chiodi e a volte il secchiello di photoshop.

Cosa fai quando non disegni?
Dò fastidio alla gente, lavoro in falegnameria, rido, vado ai concerti a procurarmi lividi e abrasioni gratis, raccolgo spazzatura, costruisco pupazzi con i quali importuno persone e cose, coltivo zucchini che non crescono mai.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Ehm… lungo elenco… matite, pennarelli, fogli scarabocchiati impilati, il ventolin, macchie di cibo(?), agende, dei mixtape noise, fogli bianchi, un ukulele, bicchieri usati, una castagna, tappi di bevande, forbici, ritagli, briciole, flayers, chiodi, delle monete di scarso valore… ecc. ecc… quindi già che ci sono metto a posto la scrivania.

Un disegno pesa quanto…
Penso 80gr come un A4 + poche ore di sonno.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Libro… mmm… quello di Antonellina Clerici in chiave splatter, ma penso lei non voglia. Quindi Il Marcovaldo di Calvino.
Film: Daunbailò di Jim Jarmusch

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Vivo: Danilo QuoVadis.
Morto: Alberto Longoni.

Altre storie
Cronache da una città sommersa: 9 stampe d’autore per aiutare il laboratorio serigrafico Fallani Venezia