Diesel Island

No man is an Iland, intire of it selfe; every man is a peece of the Continent, a part of the maine…

scriveva John Donne nel ‘600. Fosse riuscito a dare un’occhiata ai tempi in cui viviamo noi forse avrebbe cambiato idea e si sarebbe ritirato insieme agli stupidi sulla Diesel Island, fittizia isola-stato, tropicale utopia, rifugio dei coraggiosi, degli stolti, degli impulsivi, con una bandiera fatta di vecchi jeans ed un presidente scelto in base alla probabilità di avere uno scandalo sessuale (più o meno come funziona da noi).
Isola che si troverà a dover affrontare poi – ironicamente, anzi stupidamente – tutte le problematiche che hanno i paesi veri: sostentamento energetico, sanità, immigrazione…

Impossibile, guardando i video, non pensare a Lost, ovviamente in versione demenziale. Soprattutto il secondo che ricorda gli orientation films della Dharma, dove però al posto del Dr.Chang troviamo una sorta di barbuto, unto, tatuato e capellone Padre della Nazione.

http://www.youtube.com/watch?v=ktUtqbPyt0s

co-fondatore e direttore

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il Segno della tua voce in un gioiello