Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.

7am | Giulia Sagramola

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire. Oggi è la volta di Giulia Sagramola.

Ciao Giulia, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Sono di Fabriano, nelle Marche, ma ora vivo a Bologna.
Ho 26 anni e faccio l’illustratrice in modo più o meno regolare da 5 anni.

Matita o penna grafica (che materiali usi per il tuo lavoro)?
Solitamente pennarello o pennello, ma non disdegno nulla, dipende dal progetto e dal momento.

Cosa fai quando non disegni?
Dormo tantissimo (se posso), ascolto musica, cucino biscotti, apro tab su firefox che non guarderò mai.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Due porta penne/pennarelli, una lampada, una illustrazione incorniciata, delle cartoline e biglietti recuperati in giro, una teiera, una pila di sketchbook, una tazza da the piena o vuota, scotch e varie graffette, un blocchetto di post-it, l’hard disc, il computer, il barattolo dell’acqua, un pennello, un barattolo di china, scottex, carta da disegno. Parto sempre così, poi inizia a incasinarsi tutto.

Un disegno pesa quanto…
Quello che vorresti dire.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Molto forte, incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer.
Donne sull’orlo di una crisi di nervi di Pedro Almodovar.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti (a parte te)?
Ilaria Faccioli.

Altre storie
L’alfabeto “bestiale” animato di Taili Wu