7am | Daniela Orlando

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Daniela Orlando.

Ciao Daniela, quanti anni hai, di dove sei e da quanto scatti foto?
Quest’estate compirò 33 anni. Sono nata ad Aosta e mi sono trasferita a Torino nel ’99. Scatto foto un po’ da sempre ma è diventata una passione/malattia nel 2003 quando mi è stata regalata la mia prima macchina fotografica digitale, una sony Cyber-shot.

La tua attrezzatura?
Una Sony Cyber-shot che non uso più da secoli, una canon eos 350d (che vorrei cambiare con una canon eos 5D mark II)!
Una nikon coolpix (quasi sempre con me) con scafandro, una lomo diana + e una lomo super sampler (che non uso mai), una yashica 108 (che nella mia classifica personale è in seconda posizione), una rolleiflex biottica (che amo!!!), una leica cl,una vitoret voighlander e quest’estate ho trovato a casa di mia mamma una yashica df-10… che è subito diventata mia!

Cosa fai quando non fai foto?
Faccio la mamma, la casalinga, lavoro coi disabili, porto avanti la mia produzione di gioielli di porcellana, restauro un po’… e guardo foto!

Descrivimi la tua stanza.
Coi muri blu, un piumone morbidissimo e caldissimo nero… e tanta polvere!

La tua macchina fotografica pesa quanto…
Non lo so… ma più pesano e più mi piacciono!

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Non saprei se Amarcord di Fellini o un qualsiasi film di Woody Allen.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Ce ne sono tanti… devo dire però che le foto di Sébastien Chou mi piacciono moltissimo.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Play to Learn: un podcast in 5 puntate su didattica e design e sul pensiero delle più brillanti menti italiane degli anni ’60 e ’70