The Flower Press: handmade upcycled jewelry da erbario

Ok, vuoto il sacco senza tirarla troppo per le lunghe… non sono una grande amante del gioiello textile e della t-shirt in generale.
Mi annoiano molto le grafiche da maglietta, per la maggior parte simili tra loro e con poco spessore,  che imperversano in tutti i contesti dal più creativo al più commerciale, dal più esclusivo al più seriale.

Detto questo, sono qui a presentarvi i monili di Anne Pinaglia, designer dalla forma-mentis internazionale residente a Parigi, perché lei, le t- shirt, anziché propinarcele così come sono, le fa a brandelli.

Se questo aspetto non vi sembra sufficiente e  volete giustamente farmi notare che il collier di strisce di t-shirt non è cosa nuova nel panorama dell’offerta upcycled handmade (per citare solo alcuni esempi, passiamo dalle proposte viste alla Cherie’s Tree House ai coinvolgenti tutorial sull’home-made consapevole degli amici di Make My Day), allora io posso argomentare che innanzitutto il loro costo contenuto risponde perfettamente all’esigenza attuale di destinare all’acquisto del bigiottame solamente una parte modesta del budget dedicato all’immagine personale; e poi che si tratta di un già visto solo in parte.

L’inserimento del fiore di trucioli di stoffa nel collier infatti, che ad un’occhiata superficiale viene percepito come un elemento casuale di abbellimento, ad una seconda occhiata appare già come elemento grafico che si presta a marcate personalizzazioni non solo in merito agli abbinamenti.

Intinto in colori naturali, come il tè e altri prodotti vegetali non tossici, diventa stencil, forma un bordo incerto sulla parete troppo bianca e facilmente può tornare al collo in un altro colore (ma una volta che si è asciugato).

Assicuratevi soltanto di aver scelto un colore atossico.

Potete rivolgere le vostre richieste personalizzate direttamente all’artista, passando dalla porta del suo negozio Etsy.

Mostra Commenti (3)
  1. Grazie per questo pezzo!

    Vorrei chiarire quello che e' stato scritto del uso della tempura – io non uso nessun tipo di tempura o tinta, sono contro l'uso delle chimiche sia per me che per i miei prodotti. I pezzi che sono colorate sono imbevuto con dei te' naturali, anche i vegetali; non sono per niente tossici. Infatti, molte mamme mi chiedono di creare collane per le loro bambine; se/quando finisce nella bocca non c'è' nessun paura, che lavo a imbevo tutto con prodotti naturali a base di vegetali.

    :-)

  2. No scusatemi, non era un messaggio diretto alla creatrice di questi monili ad utilizzare tinte atossiche per colorare questi soffici collari!

    Non ero affatto entrata nel merito della composizione chimica dei colori, semplicemente e scherzosamente invitavo i lettori di Frizzifrizzi, dopo aver acquistato uno di questi oggetti, a personalizzarlo secondo il proprio gusto e a farne un uso trasversale che non si limitasse al loro utilizzo più comune.

    Mi spiace aver creato l'equivoco con una comunicazione poco chiara…e chiedo scusa alla designer e ai lettori…io e la mia mania di personalizzare tutto!

    Era un tono ironico :-)

    Sorry

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.