1. Per chi come me fa parte della setta, il poster con tutti i personaggi (e relativi collegamenti) di Infinite Jest.
2. Ad amiche che hanno perso la testa dietro a Robert Pattinson in Twilight regalo questo libretto + poster dedicato a Bela Lugosi, tanto per far loro capire chi è il vero figo tra i vampiri.
3. A chi ha appena cambiato casa o sta per farlo regalo un abbonamento ad Apartamento, per trovare la pace interiore e una montagna di ispirazioni.

4. Ad una coppia, il duo di cardigan molto natalizi Tarzan/Jane di Babbu.
5. A mio padre il cappellino rosso del coraggio di Best Made, molto Steve Zissou, perfetto per le sue passeggiate domenicali sulla spiaggia deserta.
6. Anche a mia madre una cuffia, ma di Sartoria Vico. E abbinata ad un paraorecchi in modo da poter chiacchierare ininterrottamente durante le suddette passeggiate senza ascoltare i lamenti di mio padre che vorrebbe farla star zitta…

7. Per mia figlia un abito kimono handmade da Les Libellules, sperando che possa accentuarle gli occhi un po’ a mandorla che ha ereditato da me, ma che vanno via via scomparendo perché i geni di sua madre hanno iniziato a fare i prepotenti.
8. Ad Ethel, maniaca del pane, un buono spesa annuale da Atti, a Bologna. Il buono purtroppo non esiste ma faccio volentieri lo schiavo quotidiano per andare a comprare tutti i tipi di pane che vuole.
9. Per me Charles, una day bag ispirata a quella dei medici (tra l’altro dietro c’è anche una bellissima storia): non mi dispiacerebbe andarci in giro insieme ad uno stetoscopio vintage al posto della cravatta.

Altre storie
Arabic Book Cover Archive: intervista al fondatore dell’archivio online di grafiche di copertina in lingua araba