7am | Alan Grillo Spina

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Alan Grillo Spina (qui il suo sito).

Ciao Alan, quanti anni hai, di dove sei e da quanto scatti foto?
Ho 27 anni, sono nato e cresciuto a Milano da genitori romani, con qualche sprazzo alemanno.
Faccio foto da sempre, ma è da quando ho vissuto a Shanghai nel 2007/8 che ho cominciato a farlo in modo più maniacale e anche con più coscienza.

La tua attrezzatura?
Tanta e varia! Spero che i miei tentativi disperati di conquistare su ebay una biottica cinese della Seagull o un banco ottico si concludano con una fine gloriosa per me, intanto nella mia borsa metto di tutto e abbastanza random: Olympus Mju1, Mju2 115, sempre con me! Poi una Dacora Royal per il medio formato e una vecchia Reflex.

Cosa fai quando non fai foto?
Più che altro se non faccio niente, automaticamente non faccio foto, più sono attivo e più crescono interesse e sensibilità per quello che ho attorno.

Descrivimi la tua stanza.
La tua rovina se ci metti piede. Tantissima carta impolverata.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
…le cipolle fritte sull’ hot dog dell’Ikea.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Space is the place scritto da Sun Ra o The taste of tea di Katsuhito Ishii.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Wangyuan Ling e Ren Hang.

Altre storie
Le case di Paul R. Williams, il primo architetto nero dell’American Institute of Architects