17 by Stephanie Schneider

Semplici che più semplici non si può, ma curati nei dettagli.
La biografia di Stephanie Schneider combacia perfettamente con i suoi gioielli, è come se in essi ci fosse scritta la sua storia: il suo senso estetico puro e minimale che ricorda l’area della Germania nella quale è nata e cresciuta, gli studi nel campo del tessile e del design e i lavori svolti con Jurgi Persoons ad Anversa, con Hussein Chalayan a Londra e con Kostas Murkudis a Berlino, con il quale lavorò per 5 anni.

La sua linea di gioielli nasce nel 2006, ed è un mix di elementi che si fondono creando precisi e delicati bracciali, orecchini e collane fatti a mano utilizzando argento, pietre preziose, perle colorate e tessuti (come la pelle e il morbido mohair).
La filosofia di Stephanie è basata sul dettaglio e sull’eternità, ed è proprio da questi che prende il nome il suo brand “17”: 1 come l’inizio e 7 come la perfezione, che sommati danno 8, il numero che simboleggia l’eternità.
Sarebbero da vedere e toccare con mano (le foto non sempre rendono giustizia alle collezioni), ma i negozi che vendono i suoi gioielli sono solo in Giappone, Regno Unito, America e Belgio; quindi sfruttiamo il nostro sempre caro e utile shop online: il sito è andreasmurkudis.net.

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi