Jasmin Shokrian

Colori accesi, contrasti cromatici e linee pulite che si ispirano all’architettura: sono gli abiti di Jasmin Shokrian, fashion designer losangelina di origine iraniana – figlia d’arte dato che sua madre era una sarta.
Prima di lanciare il brand che porta il suo nome, Jasmin ha studiato arte a Chicago ed è stata tra le fondatrici di un collettivo artistico che si dedicava all’esplorazione della scultura, utilizzando spesso il tessuto come materia prima per i loro esperimenti.

In seguito la Shokrian si è occupata di interior design, lanciando una linea di oggetti per la casa fatti a mano, insieme al designer Shane Gabier.
Dal 2003 ha la propria linea di abbigliamento, partita con una piccola collezione in jersey, fatta – leggo dalla sua biografia – di tops con strati intercambiabili e sezioni staccabili, per arrivare poi, stagione dopo stagione, alla perfetta sintesi tra sperimentalismo e portabilità che oggi caratterizza i suoi abiti.

Alcuni dei suoi capi, li trovate a Mantova da Morena Gandini – Mix.

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900