Viste dal vivo, le opere di Fidia lasciano a bocca aperta.
Nessuna immagine su un sito web riesce a dare l’idea della patina di usata/abusata/distrutta realtà dei particolarissimi supporti che l’artista marchigiano usa per i suoi dipinti: banchi di scuola, vecchie tavole da skate e da surf, assi di legno…

Il passato che ritorna. Per farti pensare. E buttare nel cesso l’asettica, linda, bianchissima, indifferente neutralità, visto che Fidia ti sbatte in faccia il mondo e ti dice chiaro e tondo come lo vede lui.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.