Fame Festival

Una line-up di street-artists – Blu, Erica il cane, JR, Os Gemeos, Dalek, per citarne alcuni – da far invidia ai più importanti eventi di arte contemporanea, tutti al lavoro tra i vicoli e palazzi di un piccolo centro in provincia di Taranto, Grottaglie, per la terza edizione del Fame Festival (si può leggere sia all’inglese che all’italiana e noi preferiamo la seconda), organizzato da Studiocromie.

Gli artisti sono già all’opera da un po’ e sul sito si possono seguire le loro gesta, vedere le opere che man mano iniziano a prendere vita sui muri della città e leggere di come gli abitanti reagiscano a questa pacifica e colorata invasione, tra luculliane mangiate, gente felice di vedere il remake fatto alle loro case, altri un po’ meno.

Perché il colpo di genio di questo festival è proprio l’averlo organizzato in provincia.
Visto che non c’è arte più pubblica della street-art è proprio il coinvolgimento – positivo o negativo – della gente del posto a dare senso a questo genere di iniziative, che quando vivono chiuse nei musei dopo un po’ soffocano. E ce li vedete voi gli abitanti di un palazzo di Milano o Bologna che offrono da bere a quello che per loro è soltanto un vandalo che gli sta rovinando il muro grigio del suo condominio?

Qui invece gli artisti si fermano per un po’ e collaborano anche con gli artigiani del posto (Grottaglie è un importante centro di produzione di ceramiche) realizzando stampe e vasellame.
L’opening ufficiale, a lavori ultimati, sarà il 25 settembre prossimo, con tanto di party con CongorockPopulous.

E in tutto questo, chissà che fior fiori di sponsor pubblici e privati!
Sbagliato: tutto è autofinanziato da Studiocromie, ovvero Angelo Milano + famiglia, che meriterebbero tutti una bella statua d’oro in piazza.

Altre storie
Save the date | Di rane sogni e poesia – Marco Somà in mostra