Pitti: Moschino loves Kartell

Qualcuno ha una macchina del tempo?
Sì perché non le potrò comprare fino all’inizio del prossimo anno.

Procediamo con ordine. Questa settimana, durante il PittiW, Kartell ha presentato una preview di BowWow (che per pura coincidenza è anche il nome di un rapper), la nuova collezione di scarpe realizzata in collaborazione con Moschino. Mozzafiato.

Ho già un paio di Kartell shoes, le prime Glue Cinderella in viola e rosso acquistate un paio di anni fa e ora non riesco a togliere gli occhi da questo nuovo modello che sarà ovviamente disponibile in diversi colori (pesca, geranio, giallo, verde, blu, bianco, nero e special edition nera con fiocco bianco).

La scarpa è realizzata sempre in gomma con un gran gioco di intrecci e un fiocchetto della maison Moschino.
Shoes are a girl’s best friends, altro che diamonds.

Qui trovate anche l’intervista a Lorenza Lutiresponsabile della linea “shoes” di Kartell.

BowWow sarà disponibile da Gennaio 2011, al prezzo di 85 euri.
Inizia il countdown (vi risparmio il calcolo, mancano 7 mesi).

contributor
  1. Bell'articolo! Adoro Kartell, e da quando si sono messi a produrre scarpe sono diventata del tutto dipendente. Anch'io ho comprato le Glue Cinderella (quelle bianche e trasparenti, se Cinderella bisogna essere…!) e sento di essere pronta ad averne altre, molte altre!

  2. Le ho viste anche io, dal vivo, e posso assicurare che sono stupende. Unica pecca, come tutte le Kartell esposte al Pitti (questo e quello di Gennaio), sono prive di soletta interna in tessuto. Comunque, a parte la linea realizzata con Moschino, anche le semplici ballerine chiuse Kartell sono molto belle e saranno disponibili anche in diverse versioni bicolor. Non ci resta che aspettare!!

  3. Grazie a tutti!

    Un piccolo aggiornamento per Elettra: ho avuto modo di intervistare Lorenza (a breve il post) e tra le altre cose le ho chiesto velocemente della questione soletta. Mi ha detto che hanno fatto dei prototipi e dei test, ma pare che la versione 'nature' abbia avuto la meglio. :)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Domitilla Dardi racconta EDIT Napoli e il design editoriale