Io, te e gli altri 6 miliardi di persone che ci circondano

Strano mondo quello in cui non sai cosa pensa il tuo vicino di casa, non hai idea dei casini che ha passato la fioraia dove vai allegramente a comprare i tulipani per il centrotavola, spesso non conosci neanche gli scheletri nell’armadio del tuo migliore amico, eppure basta una connessione ad internet ed istantaneamente ti viene sbattuta in faccia la weltanschaung di una moltitudine di “””amici””” (con molte virgolette) che filosofeggiano su Facebook o su Twitter – nell’interesse generale – leggi che due secondi fa a Mogliano Veneto pioveva che Dio la mandava.

Strano mondo. E se pensi che siamo in sei miliardi (and counting, come si dice) qua sopra un po’ di claustrofobia ti viene. Per non parlare della paranoia: a quanti, tra questi 6 miliardi, starei simpatico? Quanti mi ucciderebbero? Potessi fare uno speed date con tutti, me ne andrei a casa con qualcun altro?

Domande che già mi erano saltate in testa tre anni fa, quando scoprii per la prima volta 6 miliardi di altri, progetto del fotografo/documentarista/ecoattivista francese Yann Arthus-Bertrand, che quando non se ne sta per aria a scattare foto dall’alto scende in mezzo a noi, fa di tutto per conoscerci, ci intervista anche.

Ed è così che negli ultimi tre anni 6 miliardi di altri ha raccolto oltre 5000 interviste, ponendo a tutti 40 Domande, di quelle col la D maiuscola: cos’hai imparato dai tuoi genitori? cos’è l’amore?
C’è la fioraia dell’Arkansas che ha gli stessi problemi della mia, c’è Rita che dai suoi genitori ha imparato a non fare come loro (?)…

Ora il progetto
, grazie al supporto di BNL, sta per fare tappa in Italia, a Roma, dall’11 giugno al 26 settembre 2010.
Andiamo? Magari c’è pure il tuo vicino di casa. Il mio non so, non l’ho cercato, forse ce l’ho su Facebook, dove c’è anche la Fanpage con tutte le informazioni (sulla mostra, non sul vicino).

6 miliardi di altri
@ Mercati di Traiano
Museo dei Fori Imperiali, Roma
(vedi
mappa)

dall’ 11 giugno al 26 settembre 2010
10,00 – 19,00


co-fondatore e direttore
  1. sarò a Roma in quei giorni e credo che non mancherò di fare un salto ai Fori Imperiali per vedere questo nuovo progetto di Yann Arthus-Betrand..sia per vedere se c'è la fidanzatina delle medie di Riccione che per ammirare la nuova mostra di questo fotografo che ammiro molto…!

  2. bell'articolo, sono un appassionata di Yann Arthus-Bertrand e non vedo l'ora di scoprire il suo nuovo progetto!

    devo solo convincere il mio ragazzo a portarmi a Roma per un weekend, sperando di non trovare il mio ex tra gli intervistati, o peggio la sua ex;)

  3. bella questa cosa! io adoro sia la fotografia che i viaggi, questo progetto riassume un po' entrambe le cose. poi yann arthus bertrand lo conosco per le foto fantastiche che sa fare dall'alto! un genio! se passo a roma vado sicuro!!

    grazie dell'articolo :)

  4. Ho guardato ora il sito del progetto in italiano ed è sicuramente interessante per l'approccio e i contenuti.

    Ho notato che ci si puo' anche iscrivere e partecipare… perchè no :)

  5. ha tutti i presupposti per essere una mostra molto interessante…Arthus Bertrand lo conosco solo come fotografo…chissà come sarà da videomaker? la cosa mi incuriosisce…

  6. Nel weekend ho fatto una piccola ricerca e ho scoperto che per completare il progetto ci sono voluti 5 anni di lavoro e la visita di più di 70 paesi in tutto il mondo: allucinante!!!

    forse sto esagerando, ma la cosa mi incuriosisce parecchio: chissà se c'è anche un video con il making off:)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Il designer è ormai un’estensione del software? La tesi di Alessandro De Vecchi sostiene di sì