Io, te e gli altri 6 miliardi di persone che ci circondano

Strano mondo quello in cui non sai cosa pensa il tuo vicino di casa, non hai idea dei casini che ha passato la fioraia dove vai allegramente a comprare i tulipani per il centrotavola, spesso non conosci neanche gli scheletri nell’armadio del tuo migliore amico, eppure basta una connessione ad internet ed istantaneamente ti viene sbattuta in faccia la weltanschaung di una moltitudine di “””amici””” (con molte virgolette) che filosofeggiano su Facebook o su Twitter – nell’interesse generale – leggi che due secondi fa a Mogliano Veneto pioveva che Dio la mandava.

Strano mondo. E se pensi che siamo in sei miliardi (and counting, come si dice) qua sopra un po’ di claustrofobia ti viene. Per non parlare della paranoia: a quanti, tra questi 6 miliardi, starei simpatico? Quanti mi ucciderebbero? Potessi fare uno speed date con tutti, me ne andrei a casa con qualcun altro?

Domande che già mi erano saltate in testa tre anni fa, quando scoprii per la prima volta 6 miliardi di altri, progetto del fotografo/documentarista/ecoattivista francese Yann Arthus-Bertrand, che quando non se ne sta per aria a scattare foto dall’alto scende in mezzo a noi, fa di tutto per conoscerci, ci intervista anche.

Ed è così che negli ultimi tre anni 6 miliardi di altri ha raccolto oltre 5000 interviste, ponendo a tutti 40 Domande, di quelle col la D maiuscola: cos’hai imparato dai tuoi genitori? cos’è l’amore?
C’è la fioraia dell’Arkansas che ha gli stessi problemi della mia, c’è Rita che dai suoi genitori ha imparato a non fare come loro (?)…

Ora il progetto
, grazie al supporto di BNL, sta per fare tappa in Italia, a Roma, dall’11 giugno al 26 settembre 2010.
Andiamo? Magari c’è pure il tuo vicino di casa. Il mio non so, non l’ho cercato, forse ce l’ho su Facebook, dove c’è anche la Fanpage con tutte le informazioni (sulla mostra, non sul vicino).

6 miliardi di altri
@ Mercati di Traiano
Museo dei Fori Imperiali, Roma
(vedi
mappa)

dall’ 11 giugno al 26 settembre 2010
10,00 – 19,00


Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.