Scosha, no naked pics please!

Omologazione e senso di appartenenza al gruppo sono concetti che ho iniziato a comprendere in terza elementare, quando il possesso di un determinato oggetto ti garantiva rispetto e considerazione.
Gli status symbol in questione erano rudimentali oggettini casalinghi, molto spesso braccialetti portafortuna, realizzati intrecciando cordini colorati e ciondolini da uovo di Pasqua.

Non me ne voglia Scosha Woolridge, talentuosa artista australiana residente a Brooklyn, se la paragono a quelle incerte opere d’arte zeppate di scotch e colla, ma i suoi gioielli da zingaro dandy e un po’ neolitico che non deve chiedere mai, col loro carattere grafico e primitivo, mi hanno rimandato immediatamente a quello spirito innocente che non conosce ancora sofisticatezze indotte e luoghi comuni.

Al solito, pare che in Italia non li venda nessuno, ma potete sempre chiedere direttamente a lei.

Mostra Commenti (2)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.