fbpx
andreas gefeller

Supervisions

Andreas Gefeller

Provate ad immaginare di poter tornare indietro nel tempo anche ad appena 100/150 anni fa e mostrare a qualcuno delle immagini prese da Google Earth: che faccia farebbe? Sicuramente il cambio di prospettiva gli farebbe sgranare gli occhi e poi lo vedreste rimuginare, mentre l’area cerebrale deputata all’orientamento si attiva per cercare di interpretare la foto satellitare e riportare il tutto, punto per punto, a quello che fino a quel momento era stato il suo unico punto di vista sul mondo attorno a lui.

La stessa cosa che succede a tutti noi, abituati da tempo a vedere le nostre città dall’alto e a spostarci sopra il mondo intero con pochi tocchi di mouse, nel vedere le foto di Andreas Gefeller.
L’artista tedesco nella sua serie Supervisions, iniziata nel 2002 e tuttora in progress, combina digitalmente centinaia di scatti creando prospettive impossibili ma plausibili. Viste dall’alto che, sebbene non esistono nella realtà, fanno frullare il cervello e perdere l’orientamento, almeno per qualche secondo.

via but does it float

Altre storie
federico babina abstranimal 1
Abstranimal: gli animali astratti di Federico Babina