Trovarlo in qualche ufficio “ordinario” lo vedo come una missione impossibile, ma in un mondo di retrobottega in cui fanno bella mostra tette&culi&vagine-vedo/nonvedo il calendario 2014 di Butt Magazine sarebbe un vero schiaffo all’ipocrisia del cosiddetto don’t ask, don’t tell