Come ogni lunedì: Meta discrimina i capezzoli?

Le linee guida che moderano i contenuti di Meta (e quindi di Instagram e Facebook) censurano le immagini di nudo, per evitare di diffondere materiale pornografico.
L’algoritmo non fa distinzione tra pornografia e immagini artistiche o mediche, ma curiosamente censura i capezzoli femminili e non quelli maschili. Ora un comitato di sorveglianza indipendente (voluto da Zuckerberg nel 2020) chiede di modificare questa norma. L’azienda ha due mesi di tempo per rispondere alla richiesta.

👉 Se ne è parlato qui e qui.

(copyright: Alessandra Bruni)

Come ogni lunedì è una rubrica a cura della giovane illustratrice e tatuatrice Alessandra Bruni, che ogni settimana illustra una notizia della settimana precedente.

Illustratrice, curatrice della rubrica “Come ogni lunedì”
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.