The art of work: un piccolo documentario su uno degli ultimi artigiani che riparano le Leica

Nello stato del Massachusetts c’è una cittadina che si chiama Canton. Decisero di chiamarla così alla fine del ‘700 quando un notabile del luogo convinse la popolazione che il posto fosse esattamente agli antipodi dell’omonima città cinese. L’informazione era sbagliata (dalla parte opposta del mondo di quella specifica Canton statunitense — perché in effetti non è l’unica, ce ne sono più di 20 in altrettanti stati — si trova in mezzo all’Oceano Indiano, più di mille chilometri al largo dell’Australia, mentre quella della Canton cinese è in Argentina) però il nome rimase. Ed è lì che un giorno, per uno di quei casi imperscrutabili della vita, arrivò, proprio dalla Cina, Youxin Ye, tra i pochi artigiani rimasti a essere in grado di riparare le vecchie fotocamere Leica.
Perché proprio le Leica? Perché Ye le considera le migliori in assoluto, perlomeno a livello di ottiche, ma soprattutto per ragioni sentimentali: suo padre, che lavorava come come capo ingegnere del Ministero della Geologia prima della Rivoluzione Culturale di Mao, aveva proprio una Leica, che finì poi nelle mani delle Guardie Rosse, andando perduta per sempre. È da quella voglia di ritrovare lo stesso modello usato dal padre che è iniziata la storia di Ye, che oggi vive appunto a Canton, Massachusetts, USA con sua moglie Wen, e insieme a lei ripara Leica, che gli arrivano da tutto il paese e non solo, con quasi 10.000 clienti in tutto il mondo, spesso indirizzati dalla stessa azienda tedesca.

Un piccolo ma affascinante documentario — The Art of Work, del regista Julien Jarry — narra le vicende di questo piccolo grande uomo, assolutamente devoto al suo lavoro, fatto di dettagli, sapienza e tanta, tanta pazienza.

Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Frame da “The Art of Work”, di Julien Jarry
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.