Come ogni lunedì: il Senato vota per togliere IVA e accise sulle armi

Il Senato italiano ha votato un decreto legislativo che solleva le armi vendute in ambito UE dal peso di IVA e accise. Il voto favorevole, anche se non senza polemiche e scontri tra partiti, accoglie una direttiva Europea del 2019 che si poneva come obiettivo di incentivare lo sforzo per la difesa comune dei paesi UE, ma è di fatto un incentivo economico a sostegno del settore dell’industria bellica italiana che si pone ora sul mercato europeo con una marcia in più.

👉 Se ne è parlato qui.

(copyright: Alessandra Bruni)

Come ogni lunedì è una rubrica a cura della giovane illustratrice e tatuatrice Alessandra Bruni, che ogni settimana illustra una notizia della settimana precedente.

Mostra Commenti (2)
  1. Con dispiacere noto in generale una deriva politica su quello che dovrebbe essere “un magazine online di cultura visiva” come dichiarato nella testata. Certo questa rubrica è sempre accompagnata da illustrazioni, ma il vero contenuto mi sembra una selezione di notizie che tradisce un determinato orientamento politico piuttosto che un altro.

    Capisco il desiderio di chi fa parte della redazione di voler contribuire al dibattico politico-(culturale), ma non mi sembra questa la sede più giusta: in quanto “magazine online di cultura visiva” dovrebbe essere apolitico. Potreste magari aprire un altro blog per altri tipi di contenuti oppure cambiare la linea editoriale e aggiungere “magazine online di cultura visiva e di costume” (che è la cosa più furba…).

    Personalmente mi infastidisce trovare nel mio feed di blog vari e magazine di cultura visiva notizie di attualità dal sapore politico. Smetto di seguirvi.

    Queste sono le mie sensazioni ed ho voluto condividerle. Forse sono io troppo sensibile. Invito altri lettori ad esprimersi in merito magari.

  2. Buongiorno Tiziano,

    lei ha tutto il diritto di seguire come di non seguire chi le pare. Allo stesso modo noi ci riserviamo quello di pubblicare i contenuti che riteniamo opportuni. E non sta scritto da nessuna parte che un magazine di cultura visiva non possa avere e lasciar trasparire orientamenti politici, tanto più che tale orientamento (che mica è granitico, qua siamo diverse persone, con diverse idee) crediamo sia piuttosto evidente ormai da molti anni.
    Pretendere che un “magazine online di cultura visiva” debba essere apolitico ci pare un’assurdità totale. Come si suol dire — molto banalmente — “la politica è ovunque”. Il mito dell’apoliticità , tra l’altro, è un miraggio di impronta destrorsa, e ce ne teniamo volentieri alla larga.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.