La “Archisolation” di Federico Babina

L’architettura è questione di spazi. In quegli spazi, per settimane, siamo stati chiusi come mai prima d’ora e adesso ci stiamo chiedendo come vivere i luoghi di lavoro, le scuole, i locali pubblici mantenendo le distanze gli uni dagli altri.

Sempre attentissimo all’intersezione tra l’architettura e le altre discipline e capace di creare luoghi immaginari di confine tra strutture e idee, sensazioni ed emozioni, l’architetto, illustratore e designer Federico Babina ha trasformato in edifici alcune delle nuove abitudini, dei concetti, degli stati d’animo e dei temi che abbiamo imparato a conoscere e con cui siamo stati costretti a convivere, dall’attesa per la fine del lockdown al grafico dell’abbassamento della curva, dagli sguardi onnipresenti dei delatori alle distanze di sicurezza, dalla natura che riconquistava le città alla socialità in remoto.

La serie intitolata Archisolation, è composta da 18 tavole.
Di seguito una piccola selezione.

(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
(fonte: federicobabina.com)
Altre storie
Condominio-19 | Marta (puntata n.1)