Le piccole case editrici stanno aiutando le librerie indipendenti

Se dovessimo fare una fotografia della situazione del mondo culturale a distanza di un mese dalle norme restrittive dettate dal Governo a seguito del Coronavirus, vedremo una realtà in crisi. Chi lavora nelle filiere culturali e già si trovava in una condizione di precarietà non ha ancora chiaro come uscirà da questo momento di transizione.

Gli effetti cominciano a farsi sentire e sicuramente non ispirano previsioni rassicuranti. Chi lavorava nel settore dell’organizzazione e promozione di eventi culturali è sicuramente stato il più colpito, ma c’è un altro ambito in sofferenza che è quello delle librerie indipendenti. I grandi colossi della grande distribuzione, su tutti Amazon, continuano ad amministrarsi in maniera del tutto agevole. Persino le case editrici e i distributori stanno reggendo a questa situazione drammatica.
L’anello debole della catena sono appunto le piccole librerie. Che prima si sono viste cancellare incontri con gli scrittori e letture, fino ad arrivare alla formalizzazione del decreto dell’11 marzo 2020 con la chiusura delle attività commerciali al dettaglio che non vendono beni di “prima necessità”.

Si potrebbe aprire una enorme parentesi su quanto il libro possa considerarsi o meno bene di prima di necessità, a maggior ragione ora che ogni attività di svago ci è preclusa. Non lo farò, perché quello che mi interessa è rimanere su un piano di concretezza. Questo articolo nasce con un altro fine.
Quale?
Quello di mettere in evidenza come ci siano case editrici che, in diverse modalità, stanno venendo incontro alle esigenze delle librerie indipendenti, per condividere un momento di grossa difficoltà e far sì che diventi meno gravoso per i singoli.


ATTENZIONE
Questo post è in aggiornamento. Qualora ci fossero novità, le aggiungeremo.


Voland

voland.it

Su ogni acquisto on line sta devolvendo il 30% del ricavato alla libreria indipendente che verrà segnalata dall’acquirente. Un gesto concreto e significativo che si inserisce in un meccanismo virtuoso che ha concorso a dare il “la” per altre manifestazioni di questa portata.

Beisler

beisler.it

Devolverà il 20% dell’incasso da donare alla libreria scelta con un 5% di sconto per l’acquirente. La casa editrice si occuperà di effettuare la spedizione e il 30 di ogni mese verrano versate le somme maturate dalle librerie.

Libri in attesa

facebook.com/libriInAttesa

Esperienza nata grazie alla collaborazione fra l’editore Pulci Volanti e la libreria Storie a colori di Terni.
Libro in attesa di consolida come una rete di case editrici e librerie indipendenti per bambini e ragazzi che, in conseguenza e in ottemperanza del Dpcm del 11 marzo 2020, hanno deciso di accogliere le disposizioni del Governo e la richiesta di chiudere le attività commerciali per limitare e fermare la diffusione incontrollata del contagio da COVID-19 (rinunziando, pertanto, alle consegne a domicilio e alle consegne tramite corriere) nata dall’intento comune di dare una risposta concreta e responsabile.

Nessuna consegna quindi, ma la possibilità, attraverso un numero ben preciso di librerie che stanno aderendo all’iniziativa, di acquistare e preordinare i libri delle case editrici coinvolte, per poi ritirarli fisicamente in libreria una volta che queste riapriranno al pubblico.
Finora le case editrici che hanno aderito sono molte e sembrano aumentare giorno dopo giorno: Albero delle Matite, biancoenero edizioni, Bohem Press, Camelozampa, Dalia Edizioni, Edizioni Corsare, Edizioni San Paolo, Il Barbagianni Editore, Kira Kira, Kite Edizioni, Parapiglia, Pelledoca, Pulci Volanti, Saremo Alberi Editore, Settenove, Storie Cucite, Tunué, uovonero, Vanvere Edizioni.

Sulla pagina le case editrici dedicheranno post alla presentazione dei libri a catalogo e i lettori avranno la possibilità di interagire con i propri librai anche in una situazione di disagio come quella nella quale ci troviamo.

Adotta una libreria

erisedizioni.org
canicola.net
edizionialegre.it

È un’iniziativa lanciata da Eris Edizioni, che scrive: «crediamo che, in un momento nel quale le librerie e le fumetterie di tutta Italia sono costrette alla chiusura, spingere sulle vendite dai nostri shop online o dare gratuitamente i propri libri scaricabili non sia una scelta adeguata per la sopravvivenza di un’intera filiera. Le librerie considerate da tutti i fronti veri e propri presidi culturali sul territorio rischiano di subire un profondo, e in alcuni casi insanabile, colpo alla propria sopravvivenza. Come editori ci sembra scorretto scavalcare chi per tutto l’anno sostiene e dà spazio ai nostri titoli. Per questo vogliamo fare, nel nostro piccolo, un gesto concreto per supportarli. E quindi da oggi, ogni giorno, Eris Edizioni adotterà una libreria».

Al format ha aderito anche Canicola e, dal 6 aprile, pure Alegre.

“Adottare” una libreria significa che ogni giorno gli acquisti fatti online sul sito di Eris Edizioni, Canicola e Alegre vedranno riconosciuta la normale percentuale di vendita ad una libreria (una diversa ogni giorno).
I libri saranno spediti dagli editori ma sarà come acquistarli direttamente in libreria.

Topipittori e A.L.I. Libri

topipittori.it
alilibri.it

Topipittori si appoggia al distributore A.L.I. e dà vita alla campagna Libri con le ali.
I libri potranno essere acquistati presso le librerie che aderiscono all’iniziativa (qui c’è l’elenco).
Le spese di spedizione saranno sostenute in parte dal corriere, in parte dall’editore e in parte dalla libreria.

Libri da Asporto

libridaasporto.it

Iniziativa di NW Consulenza e Marketing Editoriale.
Basta ordinare un libro in una delle librerie aderenti per riceverlo a casa in pochi giorni, con spedizione gratuita: del costo, infatti, se ne fa carico l’editore.
Finora sono 100 gli editori (grandi, medi e piccoli) che hanno aderito e oltre 500 le librerie (indipendenti e non).

Altre storie
Il nuovo, doppio numero Čapek