Le planivolumetrie bestiali di Federico Babina

Nel suo Trattato di Architettura, composto tra il 1460 e il 1464, il fiorentino Antonio di Pietro Averlino, detto il Filarete (al quale alcuni attribuiscono il celebre e misterioso Manoscritto Voynich) paragona le opere d’architettura a degli esseri viventi:

Tu potresti dire: lo edificio non si amala e non muore come l’uomo. Io ti dico che così fa proprio l’edifìcio: lui s’amala quando non mangia, cioè quando non è mantenuto, e viene scadendo a poco a poco, come fa proprio l’uomo quando sta sanza cibo, poi si casca morto.

Portando la metafora a un livello più… zoologico il grafico, illustratore e architetto Francesco Babina ha provato a immaginare le piante di alcuni edifici come se questi prendessero le sembianze di mammiferi, uccelli, rettili, uccelli.
Come sarebbe lavorare o abitare dentro a un cavallo? O, meglio ancora, muoversi in spazi pubblici dall’aspetto di volpi, balene, tartarughe, leoni?

Sono in tutto 25 le planivolumetrie animali disegnate da Babina nella sua serie Planimal.

Altre storie
Isole nella Tempesta: inviateci le vostre isole, reali o fantastiche