Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.

“Le sentinelle” di Claudia Gori

Serena ha trentotto anni ed è di Verona, sette anni fa le hanno diagnosticato l’elettrosensibilità (EHS) e la Sensibilità Chimica Multipla (MCS), due patologie poco conosciute, ma che iniziano a essere diffuse anche in Italia, dove si contano almeno seicentomila casi.

A farci rifettere su questo fenomeno è la fotografa Claudia Gori, con il progetto Le Sentinelle, il cui titolo è un chiaro riferimento alle molte persone da lei ritratte, definite così proprio perché considerate coloro che oggi sentono i sintomi di una patologia che un domani potrebbe diventare un fenomeno sempre più diffuso, ovvero l’ipersensibilità ai campi elettromagnetici.

Claudia Gori, “Le sentinelle”
(© Claudia Gori / Premio Voglino 2018 | courtesy: IMP)

Tra i sintomi che più di frequente sono stati riscontrati vi sono cefalee, insonnia, debolezza, deficit di concentrazione, dolori articolari e muscolari, eruzioni cutanee, alterazione dell’umore, disturbi uditivi, visivi e dell’equilibrio, il che compromette la qualità della vita di coloro che ne soffrono.

L’OMS, che ancora non ha riconosciuto l’elettrosensibilità come una patologia, nel 2005 ha pubblicato un Promemoria, in cui suggeriva di indicare questi fenomeni come «intolleranza idiopatica ambientale con attribuzione ai campi elettromagnetici», dove veniva anche spiegato come «alcuni soggetti lamentano sintomi leggeri e reagiscono evitando […] i campi, mentre altri sono colpiti in modo talmente grave da abbandonare il lavoro e cambiare interamente stile di vita».

Claudia Gori, “Le sentinelle”
(© Claudia Gori / Premio Voglino 2018 | courtesy: IMP)

Il progetto di Claudia Gori, realizzato in collaborazione con il giornalista Giacomo Alberto Vieri, proprio in questi giorni è in mostra all’IMP Festival – International Month of Photojournalism a Padova, un festival importante perché permette di conoscere da vicino il mondo del fotogiornalismo, portando alla nostra attenzione storie poco conosciute, alcune più ironiche, altre più tragiche, ma sempre importanti per comprendere i tanti piccoli frammenti di cui è composto il nostro presente.

Fino al 26 maggio, oltre alla mostra Le Sentinelle, facente parte delle venti esposizioni principali insieme a quelle di Francesco Cito, Pietro Masturzo, Mario Dondero, Giles Duley, Alex Webb, Tomas Dworzak, Patrick Brown, Mads Nissen, Peter Bauza, Giulia Nausicaa Bianchi, Francesco Gusti, Massimo Sciacca, André Liohn, Scott Typaldos, Erik Messori, Alessandro Vincenzi e Ciro Battiloro, numerosi sono gli eventi disseminati per la città di Padova, tra cui le dieci interessanti mostre del circuito off, e ancora, workshop, letture portfolio, talk, conferenze, proiezioni e concerti serali.

Claudia Gori, “Le sentinelle”
(© Claudia Gori / Premio Voglino 2018 | courtesy: IMP)
Altre storie
Pornografia botanica