Aspiranti entomologi piccoli e grandi di questo mondo uniamoci. È arrivato il libro per noi. Si intitola Sei zampe e poco più, l’autrice è Geena Forrest (già il nom de plume dovrebbe lasciarci presagire quanto ci sia di profondo nel suo amore per la natura), la casa editrice che lo ha pubblicato è Topipittori.

Geena Forrest è un dottore forestale, da sempre appassionata di disegno scientifico di insetti, alberi e graminacee. Interessata al mondo dell’editoria per bambini e ragazzi, ha deciso di farne una professione dopo aver frequentato la Scuola Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia di Sarmede.

Geena Forrest, “Sei zampe o poco più”, Topipittori, 2016
(courtesy: Topipittori)

Il volume appartiene alla Collana PiNO (dove PiNO sta per Piccoli Naturalisti Osservatori), che ha vinto anche il premio Andersen 2017 con il progetto che porta lo stesso nome. Si tratta di una serie volta ad incentivare l’osservazione e la conoscenza dell’ambiente naturale proprio attraverso l’esperienza diretta e la possibilità di prendere appunti e disegnare sui volumi (da poco è stata pubblicata la sua seconda uscita: Vagabonde – Una guida per piccoli esploratori botanici di Marianna Merisi).

Ed è così che si organizza al suo interno Sei zampe e poco più, partendo dalla premessa che non ci troveremo di fronte ad un manuale completo di entomologia, quanto piuttosto una guida attraverso la quale verremo accompagnati nell’identificazione degli insetti nei quali ci imbatteremo durante le nostre gite in montagna.

Geena Forrest, “Sei zampe o poco più”, Topipittori, 2016
(courtesy: Topipittori)

La struttura cartotecnica del libro si presta ad essere particolarmente agile e di facile trasporto, come dovrebbe essere il carnet di un piccolo entomologo. Mentre la bellezza delle tavole e dei disegni, gli insetti scomposti per poter essere studiati e riprodotti, e le didascalie agili ma puntuali, non hanno nulla da invidiare ad un piccolo trattato scientifico.

Un manuale che non può mancare nello zaino di ogni piccolo, grande esploratore che si rispetti.

Geena Forrest, “Sei zampe o poco più”, Topipittori, 2016
(courtesy: Topipittori)