fbpx

Sulle orme di Simon Beck

Le opere d’arte temporanee mi mettono da sempre in grande soggezione, colpita della loro bellezza, pensando all’emozione che procurano all’osservatore, ma anche al tempo che è stato necessario per realizzarle, alla perizia, alla manualità, al genio, mi sgomenta la loro fine imminente…
Così è per i mandala, le sculture di ghiaccio, i castelli di sabbia o per le impronte che il cinquantacinquenne inglese Simon Beck lascia — a seconda della stagione — sulle sabbie della Nuova Zelanda o sulle bianche distese di neve delle Alpi.

Passo dopo passo, per ore e ore (in media 6 ore distribuite in due giorni di lavoro), Simon (forte di anni di orienteering agonistico) cammina sulla neve realizzando bellissimi ed intricati disegni come se la neve fosse una tela e i suoi piedi dei pennelli. Fiocchi di neve, forme geometriche, frattali, ma anche figure mitologiche, che stanno lì il tempo di una foto ricordo prima che il vento soffi o la neve ricominci a cadere copiosa…

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
36DOT 07 AllyxCapek Letter F
Il “giardino di lettere” di Allyx Capek