Le fiabe di carta di Cecilia Levy

Cecilia Levy lavorava come graphic designer e si occupava anche di legatoria, quando nel 2009 ha iniziato a “giocare” con la carta, dando vita a forme tridimensionali con questo materiale che di dimensioni pare averne solo due. Ha iniziato un po’ per caso, smontando un vecchio libro, strappando una pagina in piccoli pezzi e incollandoli di nuovo insieme. Da quella pagina stampata e zeppa di parole, un po’ provata dalla polvere, dal sudore e dal tempo, nacque la prima traballante, ma espressiva ciotola. Cecilia aveva così trovato quello che lei definisce “il mio materiale”.

Da allora è alla costante ricerca di vecchi libri adatti all’uso, libri antichi, libri vecchi di un secolo, ma anche serie intere di fumetti. Smembrati, tagliati e incollati, riassemblati in nuovi oggetti, sottili come un guscio d’uovo eppure stabili. “La storia vive, ma in una forma diversa”.

Dal 2013, quella che inizialmente era una passione, è diventato un lavoro a tempo pieno.
 
63513130951763339217_zoom

63513130535242607610_zoom

63513130768525417312_zoom

6356723094835600942_zoom

6356723095629642333_zoom

6356723695747096382_zoom

63491445730552314619_zoom

6349161390053248951_zoom

63491618052542182211_zoom

6349151274915922654_zoom

6349151273869160823_zoom

Altre storie
New Aesthetic 2: un’antologia delle sperimentazioni tipografiche contemporanee