Dora Szentmihalyi e le borse CMYK ispirate alle lapidi tradizionali della Transilvania

cmyk_bags_1

Di Dora Szentmihalyi onestamente non so molto. So che è molto giovane, credo studi ancora, che è Ungherese, è un’illustratrice, le piace realizzare stampe per il tessile, ma è anche una promettente designer, e se volete comprare qualcuna delle cose che vedete sul suo profilo Behance, vi basta contattarla attraverso il suo blog.

Ad attirare la mia attenzione, sono state le borse della linea CMYK bag collection, una collezione di borse in pelle di mucca stampata al computer e cucita a mano. La prima cosa che salta agli occhi sono i colori forti e contrastanti, la classica quadricromia CMYK; «interessanti ma non le indosserei mai» dico ad alta voce mentre però mi fermo a leggere la descrizione.

E qui la giovane ungherese mi conquista definitivamente! La fonte d’ispirazione, che l’ha portata a disegnare e realizzare queste borse, è una tradizionale lapide, solitamente realizzata in legno e decorata con elementi geometrici, usata principalmente per i funerali in Transilvania. La geometria tridimensionale delle antiche sculture cimiteriali ungheresi è resa bidimensionale nella collezione di borse attraverso la stampa su pelle, che però grazie ai colori squillanti pare acquistare la terza dimensione.

cmyk_bags_2

cmyk_bags_3

cmyk_bags_4

cmyk_bags_5

cmyk_bags_6

cmyk_bags_7

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza