fbpx
chemical x

La botta: un omaggio alle CHEMICAL X INDUSTRIES

chemical_x

Va bene, qui sei tra amici, non importa che fai il finto tonto e scuoti il capo come chi non sa di cosa stiamo parlando e vaghi con quegli occhi da cerbiattone cresciuto come quando la prof di matematica ti beccava sempre senza compiti.

Qua non ci sono mamma e papà che perplessi vedono nelle tue pupille fatte a galleria il fallimento dei loro metodi educativi, tua nonna penserà, ancora una volta, che sei il suo nipote più strano ma forse anche quello più coccolosamente vero, il tuo umore sinusoidalmente altalenante in fondo ti ha sempre contraddistinto, da piccolo perché eri un ragazzino con la testa per aria, e oggi perché nella testa hai un’esplosione multiforme di molecole artificiali ganzissime e prive di scrupoli nei confronti di assenza di fantasia e universale amore per tutto quello che ti circonda.

Difficile, ah, resistere al mood, vero? Perché non è esattamente di mood che parlo, ma di droga, quella che i fantomatici spaccini regalavano davanti alle scuole e noi invece povere teste di marmo abbiamo sempre pagato, facendo colletta, rimediano i soldi con i lavori più disparati e tu sai insomma di cosa parlo. E non fare finta di niente. E due.

E che succede se tu questa droga la destrutturi, la sconfiggi nel suo stesso campo, la crei invece di assumerla, la destabilizzi e la rendi innocua, da guardare, la mostri per quello che è davvero, una favola proibizionista durata ormai troppo a lungo, un luogo comune da sfatare, un quadro da appendere in casa con buona pace di tua sorella che lei “certe cose non le può neanche sentire nominare”?

Alza la musica e datti da fare. Attacca la botta al chiodo. Sponsorizzano il tutto le fantastiche CHEMICAL X INDUSTRIES.

LoveDeath_2

taste-the-rainbow-art-detail-2

Dollar_pill

Dollar_pill_2

Love_heart

Love_heart_2

Love_is_the_Drug_lnd_2

Disclaimer Paraculo:
nessuno della redazione e nemmeno l’autore del presente articolo vuole invogliare i lettori all’irresponsabile avvicinamento alla droga, al suo consumo, allo spaccio o alla frequentazione di luoghi di perdizione. Il presente articolo ha il solo scopo di rappresentare il mondo per quello che è sotto l’influsso di una delle sostanze psicotrope più diffuse. Drogatevi responsabilmente e bevete molta acqua. La messa è finita, andate in pace. ;)

Altre storie
zetafonts coppa stadio 1
La Coppa Stadio: una sfida grafica a colpi di poster tra le 20 regioni italiane