Dripped, omaggio a Jackson Pollock

Come è difficile combattere i propri demoni, si possono cercare di nascondere dietro quintali di pillole o bottiglie di alcool, di obnubilarli dietro pozioni da iniettare o da tirare su per il naso, si può cercare di trovare la propria strada a dispetto di tutto e di tutti, pagando un prezzo spesso alto ma necessario allo scopo.

Questo è quello che mi fa venire sempre in mente la furia ossessiva delle gocce di colore di Pollock, quelle macchie informi e bastarde lontane da un cavalletto e da una tavolozza da pittore posato.
Artista prezioso e irripetibile, unico nel suo genere, innovatore vero dell’arte e del sentire il colore, dell’immaginare un’arte slegata dai precedenti, un inventore di forma e di sostanza morto troppo presto mentre correva a casa dopo una notte di bagordi, tra bicchieri riempiti e svuotati troppo in fretta.

Un jazz struggente, avvolgente, onirico e catartico accompagna il corto di Léo Verrier in onore di Jack the Dripper, il gocciolatore Pollock. Ladro di stili e fagocitatore di sensazioni il Jack di Leo si muove in una cornice di sogno alla ricerca del suo stile, di una voce propria scoperta a suon di prove e furti stilistici. Un inno sincero e appassionato a un grande, a un irripetibile essere umano con cui avrei condiviso volentieri una sbronza e un po’ di follia ma non una corsa in auto.

dripped_1

dripped_2

dripped_3

dripped_4

dripped_5

dripped_6

dripped_7

dripped_8

imbrattacarte
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.