Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

Antonio Colomboni, un illustratore “in tour” sulle vetrine d’Italia

antoniocolomboni_fullmilano_2

Immaginate. Un giorno state passeggiando per le strade della vostra zona di shopping preferita, parlo di quelle con negozietti e boutique che la massa non conosce, quegli indirizzi che svelate solo agli amici più cari – lo so che lo fate. Ecco, un giorno potreste trovare Antonio Colomboni che vi sorride attraverso la vetrina mentre contorto in qualche strana posizione delinea con un movimento dolce del polso l’ultimo tratto della sua creazione.

Molti lo conoscono sul web come ScombinAnto, giovane illustratore e art director italiano instancabilmente curioso e dallo stile incredibilmente divertente. Lavora come freelance e collabora con Toilet Paper (il celebre magazine di Cattelan-Ferrari). È uno che “va a pelle”, si lascia ispirare prima di tutto dalle persone e per ringraziare ti trasmette una positività che oggi è un dono prezioso da trovare.

Il suo ultimo progetto è piuttosto interessante, e non solo per i soggetti disegnati, ma soprattutto perché si tratta di una sorta di mini-tour in tutta Italia che vede Antonio sperimentare su vetro idee, concept e personaggi caratterizzanti del negozio “preso d’assalto”. Sono infatti le vetrine di alcuni selezionati negozi le tele di queste opere, che si trasformano in vere e proprie performance live progettate ad hoc.

Insomma, date a ScombinAnto un pennarello e il suo inseparabile sketchbook e lui non vi lascerà prima di aver trasformato tutto quello che trova intorno a sé in un allegro gioco illustrato, capace col suo tratto di trasformare gli oggetti del quotidiano in pura comunicazione. Per niente semplice.

antoniocolomboni_ny2

antoniocolomboni_ny2

antoniocolomboni_ny

antoniocolomboni_fullmilano

antoniocolomboni_memen

antoniocolomboni_memen2

contributor

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
0% food: cibo per androidi