Bonne Maison | SS2014

bonne_maison_estampes

Senza ombra di dubbio tra noi lettori e redazione (chiaramente virtuale) di Frizzifrizzi e i calzini del neonato brand francese Bonne Maison è stato amore a prima vista. Che da queste parti teniamo più alle calze che alle mutande direi che è altrettanto chiaro, se non altro per il numero di articoli dedicati ai primi, a scapito delle seconde.
Del resto per studiare/ammirare più spesso criticare i calzini di una persona non serve entrarci in intimità basta solo che non indossi stivali.
Comunque voi ricordate: i calzini di una persona non mentono. Quasi mai!

Tornando a Bonne Maison, è il brand francese creato nel 2012 da Béatrice de Crécy e Jean-Gabriel Huez; le due che avevano alle spalle 20 anni di esperienza nel settore, realizzano bellissime calze in cotone egiziano, lavorato a filo doppio in Italia e confezionato in Francia con speciali macchine di maglieria.
La collezione SS2014, che vedete nelle immagini, si svolge attorno a tre temi, tre racconti, tre viaggi nel tempo e nello spazio.

bonnemaison_marieantoinette

Si parte da Maria-Antoinette e, forse non serve nemmeno specificarlo, siamo alla corte francese del XVIII secolo prima che saltassero le teste. Qui tra legno dorato, broccati, pizzi traforati, colori ricchi e intensi su sfondi pastello, viene celebrata l’opulenza.

bonne_maison_tropiques

Con Tropiques ci si sposta a Sud, la dolce vita di un dandy anni ’50 che passeggia indossando vestiti di colore chiaro, in lino leggero, in un pomeriggio assolato e ozioso trascorso a sorseggiare the freddo ai tavolini di un bar, su una sedia di rattan con i cuscini a righe imbottiti un po’ sbiaditi dal sole. In lontananza, lo sfondo luminoso di un cielo blu è accostato al bordeaux chiaro e all’ocra.

bonne_maison_estampes

E infine Estampes, ispirato al Giappone per la leggerezza e la delicatezza dei suoi disegni. Toni pastello ravvivati dalle sottili linee grafiche del bianco e del nero. Un delicato ramo di mimosa gialla, pois, righe e farfalle su foglie tremanti.

Voi dove avete deciso di andare?

 

Altre storie
Il Segno della tua voce in un gioiello