fbpx
myboshi 00

myboshi

myboshi_00

Ho avuto per anni sotto gli occhi gli splendidi lavori a maglia di nonne, zie, cugine e pure di mia mamma. Sono sempre state capaci di lavorare i filati ti ogni spessore e consistenza. Io, a differenza loro, sono sempre stata mediocre. Sono incapace di lavorare ai ferri (riempio sempre la maglia di buchi), me la cavo con il ricamo, (anche se i risultati non sono certo dei migliori) mentre con l’uncinetto sono proprio pessima.

L’altro giorno mi è arrivato myboshi, un kit per imparare a fare all’uncinetto un berretto di lana. Ho sfogliato con interesse il catalogo che spiega, anche per gli incapaci come me, i punti e insegna come realizzarli (ci sono le illustrazioni  e comunque è possibile sempre consultare sul sito i semplici video tutorial per imparare).
Mi sono ritrovata tra le mani: 3 gomitoli di lana (i filati sono della francese DMC), un uncinetto numero 6 e le istruzioni su come realizzare uno dei molti modelli di berretto.
(Tutti questi prodotti è possibile acquistarli nei punti vendita specializzati, sono più di 1000 su tutto il territorio Italiano. Si possono comprare separatamente oppure l’intero corredo a soli 12,99€).

Mia figlia ha mostrato interesse per un cappellino stile peruviano con il paraorecchie e il pon-pon in cima. Mi sono decisa a provare a farlo.
La prima parte è andata discretamente bene ma poi ho perso il conto dei punti e mi sono ritrovata in mano con un centrino bitorzoluto mezzo storto. Ho puntato troppo in altro, quello tra l’altro è uno dei cappelli più difficili.
Ho disfatto il lavoro e ho ricominciato con il modello più semplice di tutti. Non ho ancora finito, ho iniziato solo ieri sera, per adesso tutto sembra procedere come deve. Il catalogo di myboshi dice che il cappello si può fare in 180 minuti, io però credo ci metterò più tempo.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
giulia tamburini gioielli giona 1
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi