Oggi cucino con… Antonello De Maria, chef

Quando, nello specchio dell’ascensore, fisso la mia faccia paonazza, gli occhi lucidi, il trucco approssimativo e i capelli ancora umidi dopo la doccia veloce, mi chiedo che ci faccio io qui? Come ci sono arrivata?

Cioè so bene dove sono e perché, sono a La Reserve Spa, un centro termale 5 stelle a Caramanico in provincia di Pescara, invitata dalla proprietà a godere in solitaria dei benefici delle cure termali e delle coccole dello staff tecnico e non, visto che, nei giorni di apertura alla stampa della struttura, io ero altrove affaccendata. Si, ma come sono passata in meno di mezz’ora dal lettino del massaggio—a proposito ricordatemi di evitare i massaggi orientali, se dopo non ho il tempo di riappacificarmi con il mio irrequieto spirito, che questi hanno l’abitudine di smuovere—alla cucina?
Mi mordo la lingua pensando che, ancora una volta, ho fatto più o meno tutto da sola!

Mi è stato offerto di tenere una rubrica sulle pagine del neonato SpaghettiJunction, un magazine in doppia lingua italiano/inglese (per ora, magari anche più in futuro), che vuole raccontare il Bel Paese, le sue tavole ed i suoi paesaggi, dando voce a prodotti e produttori. Un magazine fatto da Alessandro Bocchetti, Giulio Bagnale, Paolo Trimani, Giorgio Malandri, Andrea Sponzilli, Andrea Grignaffini e molti altri ancora e che già nella scelta della doppia lingua porta con sé l’intento dichiarato di non parlare alla stretta cerchia degli addetti ai lavori.

oggi_cucino_con_antonello_de_maria_01
(foto: Frizzifrizzi)

Io ho proposto loro di intrufolarmi a cucinare nelle cucine di chef, produttori ed esperti per ficcanasare, carpire segreti che poi non credo userò ma nonsisamai, fare qualche risata e perché no, per essere costretta almeno una volta al mese—la cadenza di questa mia rubrica, che sarà postata sia sulle pagine di Frizzifrizzi che su quelle di SpaghettiJunction—ad entrare in una cucina, visto che a casa non lo faccio mai. Sono certa che voi lettori di Frizzifrizzi non considerate cucinare: accendere il gas e poggiarvi sopra la moka, condire l’insalata, grigliare il petto di pollo o farcire un panino.

E visto che da qualcuno dovevo pur iniziare, ho pensato che fosse carino cominciare con Antonello De Maria il giovane, timidissimo e promettente chef de LeRegard, il primo chef che ho intervistato per la mia rubrica 1pm su Frizzifrizzi, rubrica che poi ho prontamente e saggiamente appaltato al più perito—e paziente—Giulio Bagnale.

Dalla cabina di regia è stato ritenuto opportuno che per il mio bene, in fondo sono in un centro benessere per la remise en forme prima della prova costume, no? E per quello di Antonello, che dovrà starmi dietro, io inizi con un piatto leggero, semplice ed estivo. Insomma qualcosa che si adatti a me visto che sono qui per depurarmi e che certo non sono nota per la mia manualità in cucina, ma questo voi lo avete già intuito dando una rapida occhiata alle foto attorno.

oggi_cucino_con_antonello_de_maria_03
(foto: Frizzifrizzi)

Ecco perché, martedì 16 luglio dopo un lunghissimo massaggio ayurvedico, mi ritrovo nella cucina di un bellissimo centro termale invece che immersa in una vasca sulfurea o spalmata di fango (non temete nei giorni a seguire ho fatto anche questo) e, sotto gli occhi attenti e severi dei presenti e all’ancora più severo obiettivo fotografico, con lo chef Antonello De Maria mi accingo a preparare: Risotto mantecato all’olio extra vergine d’oliva e acqua di pomodoro con scampi dell’adriatico crudi.

Per fortuna, Antonello ha voluto facilitarmi la vita facendomi trovare il brodo vegetale già pronto e colato, la cipolla tritata, il pecorino grattugiato, gli scampi sgusciati e soprattutto l’acqua di pomodoro già pronta. Detto tra noi, non sopporto l’acqua di pomodoro, non ne amo l’odore, mi ricorda troppo gli effluvi delle conserve delle lunghissime estati in Calabria, a cui io manco a dirlo mi sono sempre rigorosamente sottratta!

Quando sono arrivata in cucina, quindi, il più era stato fatto. Il mio primo compito è stato di far rosolare delicatamente, cioè non a fiamma alta, la cipolla in metà dell’olio extravergine d’oliva.

oggi_cucino_con_antonello_de_maria_04
(foto: Frizzifrizzi)

Ecco i passaggi che dovete seguire voi se volete replicare la ricetta:


INGREDIENTI

· 240 gr di riso carnaroli
· 1 cipolla bionda piccola
· 5 pomodori rossi (per l’acqua di pomodoro)
· 10 ml di olio evo di ottima qualità
· ½ litro di brodo vegetale
· 50 gr di pecorino fresco
· 4 scampi

PROCEDIMENTO

Per l’acqua di pomodoro pulire e frullare con un cutter i pomodori, metterli in una etamina in modo da separare la polpa dall’acqua di vegetazione, mantenendolo in frigo per qualche ora.
Per il risotto, soffriggere delicatamente la cipolla tritata1 con parte dell’olio evo. Poi brillare il riso, aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare. Aggiungere poco alla volta il brodo caldo2 sino a tre quarti della cottura.
Unire l’acqua di pomodoro e terminare la cottura.
Fuori fuoco, mantecare energicamente3 il riso con il formaggio e il rimanente olio evo.
Impiattare il riso ben bollente, guarnendo con gli scampi sgusciati.

In mezzo a decine, centinaia di istrionici cuochi/chef rockstar io ho scelto per la seconda volta di iniziare con il più timido del reame gastronomico italiano…il povero Antonello è stato letteralmente travolto dalla mie domande, dalla mie chiacchiere, dalle mie risate. Prometto che quando tornerò a La Reserve non lo metterò in difficoltà di nuovo, ma mi cercherò qualcun altro da molestare.

oggi_cucino_con_antonello_de_maria_05
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_06
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_07
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_08
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_09
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_10
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_02
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_11
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_12
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_13
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_14
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_15
oggi_cucino_con_antonello_de_maria_16
co-fondatrice e caporedattrice
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.