7am | Riccardo Michelazzo

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Riccardo Michelazzo.

Ciao Riccardo, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Sono nato ad Arzignano (Vi) ma vivo da molti anni in un paesino in provincia di Treviso, Borso del Grappa.
Ho 21 anni faccio l’illustratore da pochissimo anche se la mia base è grafica, ma mi hanno sempre affascinato le illustrazioni e quindi perché non provarci!

Matita o penna grafica?
Mmh, di solito utilizzo matita e la mia amata pilot, adoro il tratto fino di quest’ultima, utilizzo pure linoleum e sgorbie.

Cosa fai quando non disegni?
Suono qualche chitarra o tastiera trovate nei mercatini dell’usato o ascolto della musica.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Sulla mia scrivania ora vedo delle boccette di china, dei pennelli giapponesi il computer un libro su Rodchenko e dei plettri.

Un disegno pesa quanto…
La fantasia.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Mi piacerebbe illustrare la copertina de Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta, mi ha particolarmente rapito pur non essendo un assiduo lettore! Mentre per quanto riguarda un film direi Essere John Malkovich.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Chiara Dal Maso, Annaviola Faresin (Violet Not The Color) e Domenico Migliaccio.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Nelle foto di Aaron Tilley la rappresentazione di una “ansiosa attesa”