Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

7am | Roberto Hikimi Blefari

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Roberto Hikimi Blefari.

Ciao Roberto, di dove sei, quanti anni hai e da quanto tempo fai l’illustratore?
Ciao, sono di Torino e sono arrivato incolume ai fatidici 30.
Faccio l’illustratore a tempo quasi pieno da due anni (fino a tre mesi fa ho lavorato in un’agenzia di design come grafico e riuscivo a disegnare solo di notte o nei ritagli di tempo).

Matita o penna grafica?
Entrambe. Mi piace utilizzare e sperimentare diverse tecniche.
Tutte le idee, e parti di illustrazioni, nascono dalla matita sulla carta, alla quale poi aggiungo altre parti disegnate totalmente in digitale e, a volte, alcuni ritagli di carta dipinti con acrilico o acquerelli per creare delle textures originali.

Cosa fai quando non disegni?
Mi piace uscire e vagare senza meta, ancora meglio se in bicicletta, perdermi nelle librerie, osservare le persone, dormire e leggere… Ora che è finito Fringe.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Dipende dai momenti… A volte il caos assoluto nel quale regnano sovrani post-it, tazza di tè, fogli con disegni sparsi, forbici, ritagli di carta e metà reparto cancelleria di Muji.
Altre, invece, puro minimalismo e ordine assoluto non lasciano spazio ad altro se non al computer, la tavoletta grafica e i portapenne. Tutto sempre sotto lo sguardo vigile di due toys di legno e una cartolina di Ponyo.

Un disegno pesa quanto…
La semplicità di un sorriso.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Ci sono davvero troppi libri dei quali vorrei illustrare la copertina, Carnival love di Katherine Dunn su tutti.
Per il film direi il Concerto di Radu Mihăileanu, sarebbe una bella sfida.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Senza dubbio Elena Borio Alluto e Ilaria Urbinati, due illustratrici torinesi
molto diverse tra loro nello stile ma ugualmente abili e sorprendenti con una matita in mano.

co-fondatrice e caporedattrice

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Projekt 26: un negozio online dedicato ai poster polacchi dagli anni ’50 a oggi