Affinità alchemiche instagrammate

È pressoché improbabile trovare qualcuno che non conosca l’applicazione più utilizzata al momento da tutti i possessori di smartphone, ma siccome tutto è possibile, ecco un breve sunto: Instagram è un’app gratuita per dispositivi iOS e Android che consente agli utenti di scattare foto, applicare filtri (neanche troppi) e condividerle sui social network.
L’instantaneità della famosa app è un tributo alle vintage Polaroid, per questo le fotografie sono ritagliate in forma quadrata piuttosto che con il classico formato 3:2, normalmente utilizzato dalle fotocamere dei dispositivi iOS.

Ebbene, la vera notizia non è conoscere Instagram se non lo conosci, ma qualcosa che per i puritani della letteratura risulterà spiazzante: cosa ne direste di leggere un libro su Instagram? La domanda sembrerà bizzarra, ma è l’ultima novità, che riguarda l’ormai inossibabile binomio fotografia e mobile, pensata proprio dalla community italiana che riunisce tutti gli appassionati dell’app in questione.
L’esperimento ha un nome bellissimo quanto complicato, “transcodificazione instagrammata”, ed è iniziato qualche giorno prima dell’uscita nelle librerie (il 15 gennaio) de “Le Affinità Alchemiche”, esordio narrativo di Gaia Coltorti, scrittrice giovanissima.

Le affinità alchemiche, di Gaia Coltorti, Mondadori 2013
Il libro racconta l’amore intenso e la passione devastante tra due fratelli gemelli, figli di una coppia irrequieta, che vivono separati per lunghi anni fino a quando non si ricongiungono in piena e turbolenta adolescenza.

L’idea di Instagramers Italia è quella di raccontare le vicende del libro attraverso foto scattate in giro per l’Italia e poi postate e condivise su Instagram. Le foto sono accompagnate da porzioni di testo molto brevi, in modo tale da evitare qualsiasi tipo di spoiler ma, al tempo stesso, sufficienti per suscitare la curiosità di un ipotetico lettore.

L’esperimento ha coinvolto inizialmente solo gli undici gruppi locali di Instagramers (@igersbologna, @igerscatania, @igers_firenze, @igersfvg, @igersmilano, @igersmodena, @igerspu, @igersroma, @igerspisa, @igers_sardegna, @igerstorino) e i loro coordinatori (che si sono autoproclamati manIger), ma adesso tocca all’intera community contribuire attraverso un contest.
Chiunque sia in possesso di un account Instagram e voglia partecipare al racconto visivo del testo, può leggere tutti i dettagli del regolamento qui.

Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.