Veja rispetta l’ambiente

Quando compriamo un paio di scarpe, una t-shirt o un paio di jeans probabilmente non ci chiediamo da dove provengano, se valgono il prezzo che paghiamo, se qualche minore sia stato sfruttato per crearli, e molte altre domande che, ovviamente, al momento dell’acquisto nessuno si pone (anche se, a volte, dovremmo; e soprattutto dovremmo informarci perché tanti brand e tante maison del lusso mondiale, quelle che si vantano di secoli di storia e ti vendono un prodotto a peso d’oro decantando il “Made in Italy”, proprio loro, a volte nascondono qualche scheletro nell’armadio).

C’è un brand, però, che anche nel caso in cui ti voglia porre le suddette domande, sa darti tutte le risposte, positive per giunta. Perché è un brand chiaro, che rispetta l’ambiente e le persone che lavorano, e te lo spiega per filo e per segno.
Parliamo di Veja che dal 2004 crea sneakers ed accessori sostenendo lo sviluppo economico, sociale ed ambientale del mondo. Come?
Utilizzando cotone organico prodotto senza l’utilizzo di pesticidi; lavorando con una cooperativa di 300 famiglie di Seringueros (le quali vivono nella foresta Amazzonica, unico luogo al mondo dove gli alberi di cauchu crescono ancora in modo selvatico); tingendo la pelle con estratti di acàcia, colorante naturale e non inquinante; producendo le sneakers e gli accessori in una fabbrica nel Sud del Brasile, dove i lavoratori sono rispettati e collaborando con “Ateliers sans frontières”, associazione che attraverso il lavoro aiuta le persone in difficoltà a reintegrarsi nella società.

Per questo inverno Veja ci propone tantissimi modelli, tutti differenti nei materiali e nei colori: troviamo le Sp, Ma Canvas, create con il cotone organico; le Mediterranée, un incrocio tra sneakers e scarpe da vela, le Pacifico, conciate con pelle vegetale; le Volley, ispirate da un allenatore brasiliano del 1970; le Indigenos, in pelle scamosciata e poi le Grama, le Veja+, le Small (per bambini), le Arcade e le Tauà.

Non è finita qui, però, perché dal 2008 Veja ha lanciato anche una linea di borse e accessori (seguendo, ovviamente, i suoi sani principi), ed ecco “Project Numéro Deux” con borse realizzate sempre con pelle ed estratti di acàcia, come l’Acacia Cuir, l’Acacia Toile, la Facteur, la Cabas Soleta, nata dalla collaborazione tra Veja e Regina Dabdab; la Gisele, tinta con pigmenti naturali e gli zaini Rucksac.
Ci sono, infine, i portafogli, di qualsiasi dimensione e materiale: c’è quello piccolo, quello più capiente, quello in camoscio o quello in pelle con e senza elastico per la chiusura.
Oltre a seguire il brand sul blog potete trovare le collezioni Veja in vari negozi italiani (e non), ma se volete comprare comodamente da casa potete farlo qui.

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900