7am | Matteo Musci

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Matteo Musci (qui il suo Tumblr).

Ciao Matteo, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao, trentasei, sono nato e cresciuto a Milano ma da quasi due anni vivo a San Francisco.
Faccio foto da quando sono ragazzino ma solo nel 1998 ho iniziato a lavorare come fotografo professionista.

La tua attrezzatura?
Mi sono sempre portato in giro quintali di attrezzatura, ho quasi sempre scattato medio formato in pellicola, ma con il passare del tempo ho iniziato a sfoltire e da un paio d’anni a questa parte uso solo un corpo macchina, 5d mark II, e una lente, 50mm.

Cosa fai quando non fai foto?
Giro in bicicletta, bevo birra e penso.

Descrivimi la tua stanza.
Poche cose ma scelte e messe al posto giusto, sono un maniaco della composizione e del dettaglio.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
Quanto il mio umore, a volte pesa quanto il ferro, altre quanto una piuma (cit).

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Se fosse un film, “Paris Texas” di Wim Wenders, se fosse un libro, “Cities of the Plain” di Cormac McCarthy.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Sha Ribeiro, il suo modo di raccontare storie attraverso la pellicola bianco e nero è potentissimo e sopratutto oggi che tutti propongono “street photography” si nota quanto la sua fotografia sia una spanna sopra a molti.

co-fondatrice e caporedattrice
Mostra Commenti (2)
  1. bellissima intervista, tu rappresenti il moderno "sogno americano" ! La carriera all'estro penso sia il desiderio di molti ragazzi italiani che vedono diminuire le proprie possibilità lavorative giorno dopo giorno.
    Belle foto, continua così!

    buona giornata, m.c. modadicoppia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.