7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Alice Socal (qui il suo blog).

Ciao Alice, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratrice?
Ciao, sono di Mestre-Venezia, ho quasi 26 anni e vivo da quasi 5 anni ad Amburgo. Disegno da una decina d’anni.

Matita o penna grafica?
Matita, penna pilot e se sono colori, prevalentemente acquerelli o acrilici.
Ora sto approcciando anche della colorazione digitale.

Cosa fai quando non disegni?
Suonicchio il flauto traverso e/o il sassofono. Leggo, guardo cose in internet.
Ho la fortuna poi di vivere in una città che offre moltissimi stimoli: inaugurazioni di mostre, feste, club per ballare, concertini gratuiti ma anche parchi e bei posti fuori città. Quando si riesce a vincere la pigrizia o non si rimane incastrati a casa causa film cene vino neve e le bici funzionano c’è sempre volendo la possibilità di fare qualcosa.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Le mie scrivanie, dato che colleziono tavoli sedie e mobili trovati nell’androne del condominio.
Nei periodi in cui lavoro intensamente si accumulano materiali di vario tipo, soprattutto disegni, ciccioli di gomma da cancellare, tazze che contenevano caffè, tazze che contenevano tè, bicchieri che contenevano acqua o succhi. Poi sempre computer collegato e quindi radio in internet o soudcoloud andanti. Periodicamente il tavolo viene sgomberato e pulito. Quando non vado avanti con nulla o c’è  crisi/stanchezza artistica la soluzione generalmente è fare tabula rasa e in alcuni casi addirittura spostare tovolo e mobili adiacenti. Si ricomicia meglio poi.

Un disegno pesa quanto…
Poco. Spesso però sporca molto o costa tanto.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
I Buddensbrook. Ma forse solo come idea poi nella pratica non credo proprio.
Locandine di film: Wes Anderson. O la vecchia trilogia di Star wars.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Rosario Vicidomini.
Tra gli amici tedeschi Lilli Gärtner, Sylvie Ringer solo per citarne due…

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Da Anna Ginsburg, un corto d’animazione sul rapporto d’amore/odio con il proprio seno