7am | La Fille De La Folie

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di La Fille De La Folie (sito in fase di aggiornamento), qui la sua pagina Facebook.

Ciao La Fille De La Folie, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao a te e a chi mi legge.
Ne ho 21, e sono nata – abito tutt’ora qui – a Spoleto in provincia di Perugia.
Scatto foto da quando mia madre mi ha lasciato usare la sua Olympus analogica, quindi da quanto di preciso non ricordo.
Ho però iniziato a scattarle con “luce diversa” da quando ne ho 15.

La tua attrezzatura?
L’Olympus om10 di cui poco fa parlavo, e una 5d markII con ottica 24-105, e altre ottiche analogiche dell’Olympus (50mm e un teleobiettivo) che riutilizzo anche con questo mostriciattolo digitale, grazie ad un semplice anello adattatore.

Cosa fai quando non fai foto?
Beh, passo la maggior parte del tempo a guardare film, non mi ritengo una cinefila accanita, ma mi piace molto guardare attraverso gli occhi degli altri.

Descrivimi la tua stanza.
Disordinata, polverosa e caotica.
Con i muri tinteggiati di un rosso troppo acceso, risultato di un vano esperimento non riuscito, per creare un rosa big babol.
Un tetro armadio dei primi del 900 vinto all’asta su ebay predomina su tutto, nel quale talvolta si nasconde la mia gatta e in cui custodisco qualche scheletro.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
Ogni emozione, ogni sorriso e ogni lacrima provata nel rivedere gli attimi della mia e altrui vita, che ci ho rubato.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
In carne ed ossa sarei Josephine Joseph dei “Freaks” che ci ha fatto conoscere nel ’32 Tod Browning, ma mi vedo anche come uno dei tanti personaggi onirici di “Waking Life”.
Un libro? “Elogio della follia” di Erasmo da Rotterdam, è stato e continua ad essere la mia maggiore fonte di ispirazione, specialmente per quanto riguarda il mio percorso fotografico.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Dennis Ziliotto, Creativo con la C maiuscola.
Elisa del Dotto – una donna con le palle e con un gran talento.

Altre storie
Track21: da BasileADV e dalla type foundry Resistenza l’immagine e il packaging di una nuova birra italiana