7am | Pietro Firrincieli

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Pietro Firrincieli (qui un suo video).

Ciao Pietro, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao Ethel, sono nato nel 1985 su una piccola isola del mediterraneo che si chiama Sicilia, e nel 1986 con miei genitori mi sono trasferito a Verona, città dove sono cresciuto ma che mi sta un po’ stretta, così da sempre me ne allontano volentieri e con vari pretesti ho abitato un po’ qua e un po’ là per periodi più o meno brevi.
In questo momento passo a Verona, dov’è rimasta mia madre, una decina di giorni al mese. Nel 2008 ero a Genova quando ho acquistato la mia prima macchina fotografica, “usata”, giù al porto.

La tua attrezzatura?
“Attrezzatura” é un termine un po’ futurista per parlare della mia piccola ed economica olympus epl-1 che guarda i miei amici attraverso un 20 mm di panasonic. Anzi, ora che mi ci fai pensare dovrei darle un nome…

Cosa fai quando non fai foto?
Quando non faccio foto, pattino, chiacchiero con le persone a cui voglio bene e cerco di cacciarmi in circostanze che tengano il mio interesse sveglio, tipo Onirica.

Descrivimi la tua stanza.
Forse l’unica stanza che sento davvero appartenermi in qualche modo, si trova nella casa di mia nonna in Sicilia, dove passo da sempre al meno qualche giorno l’anno, ci sono 2 letti singoli,un ventilatore, un tavolo ovale con delle sedie di legno scuro ed un tavolino con una piccola televisione in bianco e nero che apparteneva a mio nonno. Le pareti sono bianche e dalla finestra si vede un pezzettino di mare.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
…un album di famiglia.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Mi piacerebbe molto che fosse “Pierrot Le Fou” di Godard, ma se poi guardo le mie foto, forse ha più a che fare con “Last Days” di Gus Van Saint.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
In questo momento Gabriele Micalizzi, è il fotografo più interessante che conosco.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Ritorno a Gutenberg: & type in trasferta, un tipografo al Lucca Comics