7am | Raissa Biscotti

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Raissa Biscotti.

Ciao Raissa, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ho 25 anni e sono originaria di Pescara, una cittadina moderna sulla costa adriatica. Ho la passione per le immagini sin dalla scuola superiore ma scatto foto professionalmente dal 2007.

La tua attrezzatura?
Inizialmente, come tutti i giovani fotografi, sono stata presa dalla smania di capire cosa offrisse il mercato in fatto di obiettivi, flash, diffusori e accessori in generale. Mi sono attrezzata mettendo su un mio studio amatoriale e cercando di capire quali “attrezzi” facessero al caso mio. Con il tempo e l’esperienza però ho capito che una buona foto non è solo il prodotto della macchina. Perciò negli anni mi sono spogliata di molti orpelli fotografici che rendevano solo più difficoltoso il mio lavoro fino a realizzare che dominare la macchina fotografica e la luce sono la cosa più importante.

Cosa fai quando non fai foto?
Nei giorni liberi da servizi fotografici sono studentessa di filosofia, appassionata di musica e moda.

Descrivimi la tua stanza.
La mia stanza non è molto grande ed è arredata in modo piuttosto sobrio. La mia personalità e i miei gusti sono però tutt’altro che sobri quindi sin da piccola l’ho decorata e riempita di poster, cartoline, disegni. Ma il marchio più personale è sicuramente il disordine.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
Non ho pesato la mia macchina fotografica. Però mi accorgo della stazza dopo un po’ di ore di lavoro.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Il mio immaginario è fortemente legato al passato. Ho sempre subito il fascino della storia soprattutto il periodo rinascimentale. Perciò se dovessi scegliere un film sarebbe “Elizabeth” e un libro “La chimera” di Vassalli.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Una fotografa italiana che apprezzo molto è senza dubbio Stefania Paparelli. Il suo stile è soffuso, pastello, intimo e femminile.

Altre storie
Q Project: un giocoso sistema tipografico e 3 stencil per divertirsi a creare alfabeti