Io non inquino, e tu?

Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza.
Herbert George Wells

IoNonInquino è un progetto nato su un tumblr – iononinquino.tumblr.com e che solo da qualche giorno ha trovato casa su iononinquino.it. Ha il dichiarato obiettivo di far mettere la faccia a chi va in bicicletta “per denunciare il proprio dissenso all’atroce inquinamento atmosferico e acustico creato dalle auto e dimostrare il loro amore nei confronti di questo “alternativo” ed “innovativo” mezzo”. Oltre alle virgolette d’obbligo, io aggiungo che dentro al progetto ci sta anche un pizzico di vanità, poiché chi ama la bici è anche un po’ vanitoso, se non di se stesso della sua bici. Chi usa la bici e vuole negarlo alzi la mano.

Dunque da qualche mese, esattamente dal gennaio 2012, Alessandro Pancosta aka Alkoipa che ha 33 anni, fa il grafico e va in bicicletta, ha messo su questo progetto iniziando a pubblicare foto di amici e di chi, volontariamente e direttamente dal blog, ha uplodato la propria foto. Adesso per chi usa l’app Instagram è necessario solamente taggare la proprio foto con #iononinquino
Con l’arrivo della primavera sono pure nate le t-shirt che costano 15€+5€ di spedizione. E speriamo che in autunno arrivino pure le felpe…

IoNonInquino dovrebbe essere un mantra da ripetersi ogni volta che prendiamo la macchina senza che ce ne sia realmente bisogno o che compiamo qualsiasi azione nefasta per l’ambiente in cui viviamo. Non inquinare è impossibile, ma ridurre l’inquinamento è un dovere. E il fatto di saperlo e darlo per scontato non dovrebbe assuefarci. Alessandro, con la fissa per la bici, ce lo ricorda e lo fa anche in maniera divertente.

Se andate in bici non vi resta che scattarvi una foto e caricarla su IoNonInquino.

[instapress tag=”iononinquino” piccount=”24″ size=”194″ effect=”fancybox” title=”1″ paging=”0″]
contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Timescape: un diverso modo di considerare il tempo nel progetto universitario di Chiara Facchini