7am | Alessia Bernardini

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Alessia Bernardini.

Ciao Alessia, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao, ho 33 anni, sono di Milano, città da cui ho sempre cercato di andarmene via e dove alla fine sono sempre tornata.
Scatto, con interruzioni varie, da 11 anni.

La tua attrezzatura?
Una nikon F2, una nikon FM, una Mamya 6×4.5.

Cosa fai quando non fai foto?
Pedalo, parlo, bevo un caffè, lavoro con la mia socia (tutamondo), faccio la figlia, la sorella, l’amica, la nipote e la zia, cucino, scansiono e spuntino le foto, piango, fumo, mando mail, progetto partenze, lavo i piatti, cerco casa, lavoro come guardorobiera in un bar di amici, vado a una mostra, al cinema, a mangiar fuori e a fare la spesa, a bere una birra, mi dispero un po’ per le idee geniali che ho e che mi dimentico, dormo, vado in piscina…

Descrivimi la tua stanza.
Descrivo la stanza dei miei desideri: un spazio accogliente, chiaro, con un finestra e un balcone vista mare.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
… tutte le paure che ho e che perdono di peso, e d’importanza, nel momento dello scatto.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Un film di Tati o Miracolo a Milano (De Sica/Zavattini) e come libro “Il Barone Rampante” di Calvino e le storie di Jiro Taniguchi.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Più che un fotografo ti segnalerei Voices from Italy, un progetto fotografico lanciato dal collettivo Micro che coinvolge 20 fotografi sparsi su tutta l’Italia.

Altre storie
Betterpress: non è facile trovarle, più difficile è venir via