fbpx
lazzari ss2012

Lazzari | SS2012

lazzari ss2012

Usiamo di frequente a proposito dei prodotti o dei brand che si susseguono sulle pagine di questo blog espressioni come qualità, made in Italy ed artigianalità.
Lo facciamo in perfetta buona fede, abbiamo letto i comunicati stampa, visto le immagini, spulciato i lookbook, spessissimo parlato direttamente con il designer e (cosa che si può rivelare un grave errore) ci siamo fidati.
Capita infatti (troppo spesso) di avere tra le mani i prodotti, per cui si erano spesi aggettivi del genere e lì che casca l’asino.
Nell’ordine i pensieri che si susseguono sono: che schifo è questo? In che sottoscala cinese è stato prodotto e con che materiali? Di che artigianalità e Made in Italy parlavano? Non scriverò mai più nulla su di loro… cancello il post, li sputtano. Poi calmi l’orgoglio ferito dall’abbaglio che hai presto e ti limiti a non parlarne mai più con nessuno, censura totale.

Al contrario (e per fortuna) capita anche che i prodotti di cui parli ti stupiscano per una qualità al di sopra delle tue aspettative. E’ quello che di recente mi è successo con un vestito Lazzari!
Avevo avuto modo di conoscere la qualità e la manifattura del brand veneto anni fa, avevo parlato con l’intera famiglia Lunardi (i proprietari) della loro volontà di puntare sul prodotto, sull’artigianalità, sulla cura Made in Italy, ma non entravo in un loro negozio da qualche anno, così avevo perso di vista il prodotto finito-realizzato.

A Natale però ho ricevuto in regalo un bellissimo vestito verde della collezione FW ed ancora una volta sono rimasta positivamente colpita dalla qualità delle seta, dal taglio e dall’attenzione per le finiture, perciò ho deciso che vi avrei resi partecipi della cosa ed eccoci qui.
Quella che vedete nelle immagini è la bella collezione SS2012, che trovate adesso nei cinque monomarca sparsi per il Veneto o nel loro store on line.
Predominano i toni cipriati ed una femminilità educata che come sempre non ha nessuna necessità di urlare!
Godetevi il video della collezione qui sotto.

http://www.youtube.com/watch?v=kg4MnflybnM

co-fondatrice e caporedattrice
  1. Ogni anno collezioni sempre migliori! le foto non rendono giustizia ai prodotti, assicuro che vedendoli di presona si apprezzano molto di più! :)

  2. Adoro da anni Lazzari, non l'avrei mai scoperto se non fosse che mia sorella si è trasferita a Verona per studio… Colgo l'occasione per dire che nel negozio di Verona sono sempre stati molto gentili!

  3. non vedo questa qualità, ci sono sempre un sacco di vestiti fatti con poliestere o acetato. se vogliono proporre la qualità dovrebbero usare solo tessuti in puro cotone e pura seta, e anche le fodere in poliestere proprio no, poi in estate che si suda…

  4. Ciao a tutte! Mi chiamo Katia, vesto Lazzari da anni, e l'adoro!!! L'ho scoperto quando ho vissuto a Verona per un po' per ragioni di studio, ma ad ogni cambio di stagione ci torno per restare letteralmente estasiata dalle novità. La qualità è altissima, la cura dei minimi dettagli addirittura maniacale, i tessuti, i modelli che paiono dipinti addosso, lo stile iperfemminile ed inconfondibile mi rendono davvero unica e speciale ogni volta che indosso un loro modelllo. Ho nell'armadio capi Lazzari di 10 anni fa, ancora attualissimi, ancora splendidi, ed oggi, quando li indosso, le mie colleghe mi fanno un mucchio di complimenti. Non vorrei sembrare presuntuosa, ma quando vesto Lazzari la gente mi guarda con occhi diversi, curiosi, colmi d'ammirazione.
    Amo il suo mood nromantico, femminile, dolce. Inoltre a Verona le commesse del negozio sono sempre gentilissime, si fanno in quattro per farmi provare tutto ciò che mi piace, è un piacere ogni volta rivederle e scambiare quattro chiacchiere. La loro professionalità mi garantisce sempre di trovare ciò che voglio, per ogni occasione.
    Vestire Lazzari mi fa sentire speciale ogni giorno.
    Un caro saluto a tutte, Katia Cerchiari.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
charles martin rawpixel 9
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900