7am | Nicola Giorgio

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Nicola Giorgio (qui il suo blog).

Ciao Nicola, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Ciao! Sono di Firenze e da tre anni vivo a Urbino… ho 22 anni e disegno da sempre.

Matita o penna grafica?
Nessuna preferenza. Lo strumento e la tecnica giusta vengono in maniera naturale in fase di progettazione ed esecuzione, dopo molte prove ed esperimenti, dopo molti errori.

Cosa fai quando non disegni?
Molte cose: riposo, suono la chitarra, leggo, faccio merenda, cammino o vado a correre, birrette o vino rosso.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Libri, autoproduzioni comprate a Lucca, la custodia dei miei occhiali, quadernetto schizzi, una scatola piena di pennelli, penne e pennarelli, delle righe e delle squadre tutte rotte, fogli bianchi e un pacco di fotografie di una vita fa.

Un disegno pesa quanto…
Quanto un semplice foglio bianco o quanto un pacco di fotografie di una vita fa.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Per il libro… mmmh… ho ancora in testa “Vita” di Pi di Yann Martel, è l’ultimo libro che ho letto, sarebbe interessante illustrarlo tutto però, non solo la copertina.
Per il film ho pensato subito a “Elephant” di Gus Van Sant, uno dei miei film preferiti.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Non ha ancora un sito, non ancora un blog, ma segnatevi questo nome: Michele Galluzzo!

co-fondatrice e caporedattrice

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Touch Wood: il catalogo della mostra di illustrazione nata per raccogliere fondi per l’ambiente