Marta Ferri

Marta Ferri è una giovane designer tuttofare. Nata a Milano nel 1984, gira il mondo fin da bambina.
Dopo quattro anni passati a New York nel 2009 torna nella sua città natale ed inizia a lavorare da Prada, per poi salire nuovamente su un aereo e partire per l’Argentina. Lì continua a lavorare sui suoi gioielli e si avvicina al mondo dell’abbigliamento. Di nuovo a Milano, nel 2010 presenta la sua prima collezione di abiti, nella quale traspare l’amore per i materiali e la passione per la semplicità.

Tinte unite – il bianco, il cipria, il verde oliva – e molte fantasie colorate, quali ad esempio il motivo floreale o quello a tovaglia da pic-nic.
Un look fresco, molto contemporaneo nella sua voglia di andare a svuotare i bauli con dentro i vecchi abiti della nonna, una rivisitazione di epoche passate in chiave 2011.
Una femminilità molto classica, gli unici pantaloni lunghi che ci vengono concessi sono in rosa antico, ampi su tutta la gamba e a vita molto alta, dove il modello si stringe ricordando le forme del bustino.
Molto particolari anche le camicie, sempre morbide e larghe, e la rivisitazione del tubino, non più nero alla Audrey Hepburn ma a quadretti rossi e bianchi. Si può anche non fare colazione da Tiffany, dopotutto.

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi